Covid-19 FAQ

Scuola

Il personale di una scuola deve indossare una mascherina durante l’insegnamento in classe?

Nelle scuole del livello secondario II fondamentalmente sì. Nelle scuole dell'obbligo non vi è l'obbligo di indossare una maschera secondo il diritto federale, anche se i Cantoni possono imporre misure più severe.

L'unica eccezione all'obbligo per gli insegnanti delle scuole secondarie di secondo livello di indossare le mascherine è quella in cui indossare una mascherina rende l'insegnamento molto più difficile. Come sottolinea il Dipartimento federale dell'interno nelle sue note esplicative, ciò vale, ad esempio, per le lezioni di logopedia.

Nei locali scolastici aperti al pubblico, l'uso della mascherina è obbligatorio per tutte le persone di età superiore ai 12 anni, a meno che non possano dimostrare di non essere in grado di indossare una mascherina, in particolare per motivi di natura medica.

(Stato: 2.11.2020)

Le scuole dell'obbligo devono offrire lezioni in presenza a partire dall'11 maggio?

Ciò dipende dalle disposizioni del Cantone interessato.

A partire dall'11 maggio 2020 le lezioni in presenza nelle scuole dell'obbligo saranno nuovamente consentite, a condizione che sia in vigore un piano di protezione che attui i principi di base per le scuole dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). I principi di base e il piano di protezione dovrebbero garantire che il rischio di trasmissione sia ridotto al minimo per gli alunni, gli insegnanti e le altre persone che lavorano nella scuola. La responsabilità del piano di protezione spetta alla scuola in questione, mentre la vigilanza spetta ai Cantoni.

Nel suo documento "COVID-19 Fondamenti strategici per affrontare il COVID -19 della CDS e dell'UFSP DFI", la Conferenza dei direttori cantonali della sanità afferma quanto segue: "Per diversi motivi (diritto all'istruzione dei bambini, effetti sui genitori e sulla loro capacità lavorativa, influenza limitata sulla diffusione, protezione dei bambini e degli adolescenti), è consigliabile astenersi il più a lungo possibile dal rinunciare alle lezioni di frequenza (frequenza a tempo pieno) nelle scuole dell'obbligo e nelle scuole speciali. Inoltre, è da evitare la chiusura di strutture per l'infanzia (asili nido e doposcuola) e di case per bambini e ragazzi in generale".

In caso di un numero elevato di infezioni in un'area limitata o in caso di minaccia imminente di contagio, il Cantone può chiudere le scuole per un periodo di tempo limitato.

Un insegnante della scuola dell'obbligo può rifiutare le lezioni in presenza a causa del COVID-19?

Di principio no.

A partire dall'11 maggio 2020 le lezioni in presenza saranno nuovamente possibili nella scuola dell'obbligo, cioè la scuola dell'infanzia, la scuola elementare e la scuola secondaria inferiore. La scuola deve elaborare un piano di protezione basato sui principi di base per le scuole dell'UFSP. Il piano deve, da un lato, proteggere le persone particolarmente vulnerabili e, dall'altro, mantenere generalmente ad un livello basso i nuovi casi di malattia.

(Stato: 19.10.2020)

Posso rifiutare di mandare mio figlio a scuola a causa del COVID-19?

Vedi Articolo lexNews.

L'educazione fisica è consentita nella scuola dell'obbligo?

Sì, a meno che il cantone non vieti l'educazione fisica.

La Confederazione non stabilisce requisiti per l'educazione fisica nelle scuole dell'obbligo. In particolare, non vi è alcun obbligo a livello federale di indossare mascherine o di limitare le dimensioni dei gruppi. Tuttavia, il Cantone può emanare disposizioni più severe in questo settore.

(Stato: 2.11.20)

Le lezioni in presenza nelle scuole post obbligatorie sono completamente vietate?

Fondamentalmente no.

I corsi in aula sono ammessi solo nelle scuole dell'obbligo e nel livello secondario II. Le scuole universitarie professionali, le scuole di formazione professionale superiore e le scuole di perfezionamento professionale o di altro tipo non possono, in linea di principio, offrire un insegnamento faccia a faccia. Tuttavia, le lezioni in piccoli gruppi rimangono possibili, a condizione che l'istruzione o la formazione possano essere svolte in modo sensato solo a livello locale. Ciò è concepibile, ad esempio, per i corsi di laboratorio nell'ambito della formazione scientifica.

(Stato: 2.11.2020)

È consentita l'educazione fisica nella scuola post-obbligatoria?

Sì, anche se occorre distinguere tra il livello secondario superiore e le altre scuole post-obbligatorie.

Nel livello secondario II, gli alunni e gli insegnanti di educazione fisica devono indossare mascherine o mantenere le distanze. D'altra parte, fatte salve le norme cantonali più severe, non vi è alcun limite alla dimensione dei gruppi nel livello secondario II di educazione fisica, in modo che l'intera classe possa partecipare all'educazione fisica.

Nelle altre scuole post-obbligatorie è consentita anche l'educazione fisica, nel rispetto di norme cantonali più severe, a condizione che gli alunni e gli insegnanti indossino mascherine o si tengano a distanza. A differenza del livello secondario superiore, la dimensione massima del gruppo nelle altre scuole superiori è di 15 persone.

(Stato: 2.11.20)

È consentita la frequenza alla scuola di musica?

Sì, anche se ci sono regolamenti diversi per i bambini e per le persone di 16 anni e più.

Ad eccezione delle lezioni di canto, le lezioni di musica per bambini fino a 16 anni sono consentite senza restrizioni, a meno che il cantone non stabilisca regole più severe. Anche le lezioni di canto nell'ambito della scuola dell'obbligo sono ancora consentite.

Le lezioni individuali e le lezioni in gruppi fino a 15 persone sono possibili per persone a partire dai 16 anni di età, per cui è sempre necessario indossare una mascherina. Un'eccezione a questo obbligo è prevista per i locali di grandi dimensioni se si applicano requisiti di distanza aggiuntivi. Le lezioni di canto in aree non professionali sono vietate.

(Stato: 2.11.20)

Esame di maturità annullato, brutta pagella. Posso difendermi?

Se lei ha conseguito la maturità, difficilmente avrà successo con un ricorso.

Come deciso dal Consiglio federale il 29 aprile 2020, i Cantoni possono annullare gli esami di maturità. Le note dell‘attestato di maturità saranno stabilite in tutte le materie in base al suo rendimento nell'ultimo anno in cui è insegnata una materia. La nota del lavoro di maturità tiene conto del processo di lavoro, del lavoro scritto e della presentazione. Se lei non ha potuto presentare il suo lavoro di maturità, la nota è costituita dalla valutazione del processo di lavoro e dal lavoro scritto.

Se con queste note lei consegue la maturità, difficilmente potrà contestare con successo l'attestato o le singole valutazioni. Secondo la giurisprudenza del Tribunale federale, le singole note sono "solo gli elementi che portano alla valutazione complessiva". Pertanto le singole note non possono essere contestate indipendentemente. A meno che lei non venga respinto da una scuola successiva a causa del proprio voto medio, è improbabile che lei riesca ad avere successo con un ricorso.

Tuttavia se lei non consegue la maturità a causa di questo cambiamento di regole, lei deve avere la possibilità di sostenere gli esami regolarmente.

Il periodo di validità del relativo regolamento è scaduto il 31 agosto 2020.

(Stato: 31.08.2020)

Esame di maturità professionale annullato, brutta pagella. Posso difendermi?

Se lei ha conseguito la maturità professionale, difficilmente avrà successo con un ricorso.

A differenza della maturità liceale, la maturità professionale è regolata dalla Confederazione, il che significa che i Cantoni non hanno quasi nessun potere decisionale in questo ambito: non ci sono esami finali per il diploma federale di maturità professionale.

Da un lato le note del diploma si basano sugli esami finali già sostenuti. Non vengono presi in considerazione gli esami che non sono stati ultimati in modo completo.

D’altro lato le note dell'attestato derivano dalle note finali della materia. Queste sono calcolate a partire dalla media di tutti le note del semestre nella materia corrispondente, a condizione che vi siano almeno due note per semestre. Se le note della formazione a distanza contano è regolato in modo diverso da Cantone a Cantone. Tuttavia se la nota del secondo semestre è peggiore rispetto alla nota del primo semestre, la nota del primo semestre viene considerata per il secondo semestre. Se la materia è stata insegnata solo nel secondo semestre e non è possibile stabilire una nota, sull'attestato di maturità professionale viene indicato "superato". Un sistema di valutazione analogo viene utilizzato per il lavoro interdisciplinare.

Se con queste note lei consegue la maturità, difficilmente potrà contestare con successo l'attestato o le singole valutazioni. Secondo la giurisprudenza del Tribunale federale, le singole note sono "solo gli elementi che portano alla valutazione complessiva". Pertanto le singole note non possono essere contestate indipendente. A meno che lei non venga respinto da una scuola successiva a causa del proprio voto medio, è improbabile che lei riesca ad avere successo con un ricorso.

Tuttavia se lei non consegue la maturità professionale a causa di questo cambiamento di sistema, lei deve avere la possibilità di sostenere gli esami finali.

Il termine di validità del relativo regolamento è scaduto il 29 ottobre 2020.

(Stato: 29.10.2020)

La scuola può effettuare campi scolastici?

Cfr. Articolo lexNews.

Il documento è stato utile?