Covid-19 FAQ

Covid-19 FAQ

La mia palestra ha chiuso: ho diritto al rimborso?

Fondamentalmente sì. La chiusura della palestra è un motivo valido che di solito dà diritto alla risoluzione anticipata del contratto.

Ma cosa succede se la palestra rifiuta il rimborso con riferimento alle condizioni contrattuali generali ? In questo caso lei può sostenere che l’attenersi al contratto e alle rispettive condizioni generali è per Lei insostenibile e per tale ragione vuole recedere anticipatamente dal contratto Lei può inoltre sostenere che, a seguito della chiusura, la palestra non le ha fornito il servizio concordato contrattualmente e questo le dà diritto a recedere dal contratto e a richiedere un risarcimento. Tuttavia, se alla fine della pandemia lei vuole ricominciare ad allenarsi, dovrebbe formulare un'altra proposta alla palestra: chieda se può sospendere il suo abbonamento e riprendere l'allenamento con la riapertura. Una soluzione vantaggiosa per i suoi allenamenti e per la sua palestra!

Un negozio può vietarmi l’accesso perché non voglio indossare la mascherina?

Sì, di principio ogni persona deve indossare una mascherina facciale nei luoghi chiusi accessibili al pubblico. Fanno eccezione, tra l'altro, i bambini di età inferiore ai 12 anni o le persone con un certificato medico corrispondente.

Il gestore del negozio deve garantire che l'obbligo di indossare le mascherine sia rispettato nei suoi locali. Se viola quest‘obbligo intenzionalmente è passibile di una multa o, a seconda delle disposizioni cantonali, di una chiusura dell'azienda.

Un modo per far rispettare l'obbligo di indossare la mascherina è quello di emettere un divieto di accesso. Lei è perseguibile per violazione di domicilio se entra nell'immobile o nell'edificio, nonostante il gestore le abbia vietato l'accesso. Il gestore ha il diritto di emettere un divieto di accesso perché ha il diritto di decidere chi può entrare e rimanere nel suo negozio. Tuttavia vietandole di entrare nei locali non può violare la legge, ad esempio, non può rifiutarle l'ingresso per motivi razzisti. Tuttavia, se il gestore le rifiuta l'ingresso perché lei non rispetta l'obbligo legale di indossare la mascherina, il gestore non viola la legge.

Anche se lei può mostrare ha dispensa dall'obbligo di portare una mascherina, il gestore può, in linea di principio, rifiutarle l'accesso ai suoi locali secondo la visione qui espressa. Ciò è dovuto dovere di protezione che il gestore ha nei confronti dei suoi dipendenti in base al diritto del lavoro. Tuttavia, non ci sono ancora state decisioni giudiziarie in materia.

Le sanzioni dipendono dal Cantone

L'obbligo di indossare le mascherine in tutta la Svizzera è un provvedimento adottato dalla Confederazione sulla base della legge sulle epidemie nel contesto della situazione particolare. La violazione dell'obbligo federale di indossare la mascherina non ha conseguenze penali in applicazione della legge sulle epidemie, la quale prevede sanzioni contro le corrispondenti dei Cantoni. I Cantoni possono tuttavia decidere misure di più ampia portata e punire le violazioni nell'ambito del regolare procedimento penale.

Un negozio può rifiutarsi di accettare denaro contante perché teme il contagio dei suoi dipendenti?

Sì, deve però informare in merito la clientela.

Nonostante in Svizzera esista l’obbligo di accettare pagamenti con denaro contante svizzero, i negozi possono venire meno a tale obbligo, informando i propri clienti in merito. In tal caso, l'acquirente può comunque recedere dal contratto di acquisto se non desidera pagare con un mezzo di pagamento diverso dal contante.

Posso fare shopping nei Paesi vicini?

Cf. Articolo lexNews.


Il documento è stato utile?