Covid-19 FAQ

Cura e mantenimento dei figli

Dobbiamo continuare a pagare l'asilo nido anche se non si occupa più di nostro figlio?

Se l'asilo nido lo ha stabilito nelle sue condizioni contrattuali e il Cantone non ha emanato altre disposizioni, lei è tenuto a pagare i contributi, ma a seconda delle circostanze può avere diritto al rimborso dei pagamenti.

Il Consiglio federale ha obbligato gli asili nido a continuare la loro attività, a meno che le autorità competenti non mettano a disposizione altre strutture adeguate per la custodia dei bambini. Gli asili nido devono rispettare le norme sulla distanza e l'igiene. L'attuazione di questo è un'attività ad alta intensità di personale, motivo per cui le indennità per lavoro ridotto erano possibili solo in misura limitata.

I Cantoni e i Comuni sono intervenuti in maniera puntuale e si sono fatti carico dei contributi dei genitori agli asili nido o hanno sostenuto direttamente gli asili nido, in modo che potessero rinunciare ai contributi dei genitori.

Indennità per le perdite da parte del governo federale

Il 20 maggio 2020 il Consiglio federale ha deciso che i Cantoni concederanno agli asili nido che ne fanno richiesta, ma non ai gruppi gioco, un’indennità sotto forma di aiuto finanziario per la perdita dei contributi dei genitori per il periodo dal 17 marzo 2020 al 17 giugno 2020. Questa indennità copre il 100 per cento dei contributi non più versati dai genitori per la custodia. L'Ufficio federale delle assicurazioni sociali ha stabilito le modalità di applicazione, calcolo e pagamento nelle direttive del 17 giugno 2020.

Gli asili nido non ricevono automaticamente questo aiuto finanziario. Per riceverlo dovevano presentare la domanda alle autorità cantonali entro il 17 luglio 2020. Il cantone doveva poi decidere sulla domanda entro il 16 settembre 2020, anche se la decisione finale poteva essere presa anche in un secondo tempo.

In caso di approvazione della domanda da parte del cantone, l'asilo nido deve rimborsare i contributi versati dai genitori per prestazioni non usufruite. Tuttavia il nido può anche decidere di rimborsare tali importi sotto forma di buoni per i mesi successivi. In ogni caso l’asilo nido deve poter fornire al cantone la prova del rimborso, altrimenti non riceverà alcun risarcimento per la perdita di guadagno.

Indennità indipendente dal luogo di residenza

L’asilo nido è obbligato a rimborsarvi i contributi versati per qualsiasi prestazione o servizio di assistenza non utilizzato. Ciò vale indipendentemente dal fatto che il suo luogo di residenza e la sede del nido si trovino nello stesso comune o cantone. Anche se il suo luogo di residenza è all'estero, ha diritto al rimborso.

(Data: 17.09.2020)

Il lavoro a orario ridotto modifica l'importo del contributo di mantenimento?

Cfr. articolo lexNews

In linea di principio, no, a meno che non vi accordiate reciprocamente una riduzione o un aumento del contributo di mantenimento.

Se lei o il genitore tenuto al mantenimento subite una perdita di reddito, potete modificare di comune intesa un accordo di mantenimento extragiudiziale, sempre che l'autorità di protezione dei minori non l'abbia escluso. Lo stesso vale in linea di principio per gli accordi di mantenimento stabiliti in una sentenza di divorzio; potete anche modificarli di comune accordo con un semplice accordo scritto. L'autorità di protezione deve approvare questo accordo.

Tuttavia, se non riuscite a raggiungere un accordo, il contributo di mantenimento rimane lo stesso. In questo caso, lei o il genitore responsabile del mantenimento dovrete richiedere di modificare il contributo di mantenimento al tribunale. Nella giurisprudenza conosciuta fino ad oggi, i tribunali hanno stabilito che il genitore tenuto al pagamento degli alimenti deve prendere in considerazione tutte le misure attenuanti possibili. Così, oltre alle prestazioni effettivamente versate, come l'indennizzo per il lavoro a tempo ridotto, si deve tener conto anche di eventuali entrate o di possibili riduzioni di spese, come le riduzioni di affitto negoziabili.

Se il genitore tenuto al pagamento degli alimenti riduce l’importo di sua iniziativa, è meglio informarlo per lettera raccomandata che ciò non è corretto e fissare un termine per il trasferimento dell'importo mancante. Se non riceve l'importo entro questo periodo, contatti l'ufficio responsabile per il pagamento anticipato dell’importo per il mantenimento dei figli nel suo cantone.

Trova ulteriori informazioni sotto “COVID-19 FAQ”

(Stato: 17.2.2021)


Il documento è stato utile?