Covid-19 FAQ

Persone in una categoria a rischio

Chi è considerato particolarmente a rischio?

Le donne incinte sono considerate particolarmente a rischio. Inoltre, gli adulti con certe condizioni preesistenti, purché non siano stati vaccinati contro il COVID-19.

Le seguenti condizioni preesistenti comportano un rischio particolare: alta pressione sanguigna, diabete, malattie cardiovascolari, malattie respiratorie croniche, malattie e terapie che indeboliscono il sistema immunitario, cancro e obesità.

L'Ufficio federale della sanità pubblica specifica queste malattie nell'allegato 7 dell'ordinanza COVID 3, continuamente aggiornato, anche se la lista non è esaustiva e il medico curante può decidere diversamente nei singoli casi.

(Stato: 18.01.2021)

Appartengo ad una categoria a rischio. Posso essere obbligato a lavorare fuori casa durante la situazione particolare?


In linea di principio, no. Il suo datore di lavoro deve permetterle di lavorare da casa. C'è un'eccezione se la sua presenza sul posto è assolutamente necessaria. In ogni caso, il suo datore di lavoro deve consultarla prima di prendere una decisione.

Il 13 gennaio 2021, il Consiglio federale ha deciso un obbligo generale di telelavoro, che sarà applicato dal 18 gennaio 2021 al 28 febbraio 2021. Durante questo periodo, ulteriori misure di protezione saranno applicate a coloro che sono particolarmente a rischio.

Come dipendente facente parte di una categoria a rischio, le sarà permesso di adempiere ai suoi obblighi lavorativi da casa. Il suo datore di lavoro deve prendere le misure organizzative e tecniche necessarie per farlo.

Se la sua presenza in loco è obbligatoria per motivi operativi, il suo datore di lavoro può richiederle di lavorare presso il posto di lavoro. Tuttavia, deve progettare le misure di protezione sul posto di lavoro in modo tale che non sia esposto a un rischio maggiore rispetto al lavoro da casa. Prima di tutto, deve garantire che non entri in stretto contatto con altre persone, in particolare fornendo una stanza singola o una zona di lavoro chiaramente delimitata. Se questo non è possibile in ogni momento, il datore di lavoro deve prendere misure in accordo con il principio STOP:

  • sostituzione
  • misure tecniche
  • misure organizzative
  • dispositivi di protezione individuale

Prima di intraprendere qualsiasi azione, il datore di lavoro sente i lavoratori interessati, documenta per iscritto i provvedimenti decisi e li comunica “in modo adeguato” ai lavoratori.

(Stato: 18.1.2021)

Appartengo al gruppo delle persone particolarmente a rischio. Il mio datore di lavoro può assegnarmi un altro lavoro perché non posso fare il mio lavoro da casa?

Sì, ma il suo datore di lavoro deve consultarla prima di assegnarle un lavoro alternativo.

Le assegnerà quindi un lavoro alternativo equivalente che potrà fare a casa. Il datore di lavoro può derogare al contratto di lavoro, ma il lavoro deve essere equivalente e il salario non può essere ridotto. Il suo datore di lavoro deve registrare l'assegnazione per iscritto e comunicarla in modo appropriato.

(Stato: 18.01.2021)

Appartengo al gruppo delle persone a rischio e devo lavorare nel luogo di lavoro abituale per motivi operativi. Posso rifiutarmi di lavorare?

A certe condizioni, sì. Può rifiutare il lavoro assegnato se il suo datore di lavoro non rispetta le misure di protezione prescritte. Se non è sicuro che le misure di protezione siano corrette, può contattare l'ispettorato cantonale del lavoro.

Lei può anche rifiutare il lavoro assegnato se ritiene che il rischio per sé stessi sia troppo alto nonostante siano state osservate le misure di protezione. Questo è concepibile, per esempio, se non si può evitare il contatto ravvicinato mentre si va al lavoro.

Se le condizioni per un legittimo rifiuto del lavoro assegnato sono soddisfatte e lei presenta un certificato medico al suo datore di lavoro su sua richiesta, il suo datore di lavoro deve liberarla dall'obbligo di lavorare e continuare a pagarle il salario. Tuttavia, la legge prevede anche un’indennità per la perdita di guadagno in questo caso.

(Stato: 18.01.2021)

Sono incinta. Posso essere obbligata a lavorare fuori casa?

In linea di principio, no.

L'Ufficio federale della sanità pubblica ha classificato le donne incinta come particolarmente a rischio. Vi è un rischio accresciuto di un grave decorso della malattia COVID-19 in caso di sovrappeso, ipertensione arteriosa ed età superiore ai 35 anni.

Durante la gravidanza e la maternità, la tutela della salute sul lavoro è però più rigorosa. È responsabilità della datrice di lavoro di impiegare e di gestire le condizioni di lavoro di donne incinta e madri che allattano in modo tale da non compromettere la loro salute e quella del bambino. La Società Svizzera di Ginecologia e Ostetricia raccomanda in questo caso di fare Home Office. Il suo medico curante valuterà se le misure adottate dalla sua datrice di lavoro sono sufficienti e, se necessario, certificherà la sua incapacità lavorativa.

(Stato 18.1.2021)

Sono particolarmente a rischio, ma non mi interessa: posso continuare a lavorare come prima?

No.

Il suo datore di lavoro è obbligato a prendere le misure per proteggerla. Questo vale anche se lei sceglie volontariamente di rinunciarvi.

(Stato: 18.01.2021)



Il documento è stato utile?