Covid-19 FAQ

Persone non a rischio

Non appartengo ad alcun gruppo a rischio. Che protezione mi deve dare il datore di lavoro?

Dal 18 gennaio 2021 fino al 28 febbraio 2021, per il momento, si applica un obbligo di Home Office di vasta portata. Per i lavori in loco, il datore di lavoro deve adottare misure preventive secondo l'"Ordinanza COVID-19 situazione particolare".

Anche nella situazione normale, il vostro datore di lavoro è obbligato a “prendere tutti i provvedimenti, che l’esperienza ha dimostrato necessari, realizzabili secondo lo stato della tecnica e adeguati alle condizioni d’esercizio". Le misure preventive dell’"Ordinanza COVID-19 situazione particolare" concretizzano questo dovere di cura.

Se possibile e fattibile con uno sforzo ragionevole, il datore di lavoro deve permettere e organizzare l’HomeOffice. (cfr. HomeOffice qui sotto)

Quando si lavora in loco, il datore di lavoro deve garantire che l'obbligo di indossare le mascherine in ambienti chiusi sia osservato. Se necessario, deve prendere ulteriori misure secondo il principio STOP (sostituzione, misure tecniche, misure organizzative, dispositivi personali di protezione): Per esempio, si potrebbe pensare di alternare le persone in presenza oppure di estendere l'obbligo di indossare la mascherina anche nelle aree esterne.

(Stato: 18.1.2021)


Il mio datore di lavoro può obbligarmi a indossare una mascherina?

Non solo può, ma il datore di lavoro deve farlo.

Un obbligo generale di indossare la mascherina si applica negli spazi interni e all’interno di veicoli dove sono presenti più persone. Si applica anche se si può mantenere una grande distanza. VI è un’eccezione a questo obbligo quando non si può indossare una mascherina per ragioni di sicurezza o per la natura dell'attività. Inoltre, non si deve portare una mascherina se non è consentito per motivi medici.

Il suo datore di lavoro è tenuto ad attuare queste misure, non solo in base all’"Ordinanza COVID-19 situazione particolare” ma anche in base al suo dovere di diligenza, nei confronti suoi e dei suoi colleghi, e al diritto del suo datore di lavoro di impartire istruzioni.

Anche se non ha contatti con altre persone sul posto di lavoro e non esiste un piano di protezione né una normativa cantonale più severa, il suo datore di lavoro può, in linea di principio, esigere che indossiate una mascherina: secondo la giurisprudenza del Tribunale federale, un datore di lavoro può prendere decisioni non obiettive e arbitrarie, a condizione che queste non “esprimano un disprezzo che offenda la personalità della dipendente". Nel caso dell'obbligo di indossare una mascherina, tuttavia, tale inosservanza può essere molto difficile da dimostrare.

Se non rispetta l'obbligo di indossare una mascherina, il datore di lavoro può richiamarla e nel peggiore dei casi licenziarla senza preavviso. Attualmente non ci sono decisioni sulla questione se un tribunale confermerà un tale licenziamento in tronco.

(Stato: 18.1.2021)

La mensa aziendale può rimanere ancora aperta?

Sì, ma solo le persone che lavorano nell'azienda interessata possono mangiare nella rispettiva mensa aziendale.

In mensa si può consumare cibo e bevande solo se seduti al tavolo e per tavolo non possono sedersi più di quattro persone. Chi non è seduto a tavola deve obbligatoriamente indossare una mascherina.

(Data: 29.10.2020)

Lavoro nel settore sanitario: quali provvedimenti si applicano durante la situazione particolare?

La sua datrice di lavoro deve elaborare e attuare un piano di protezione.

Gli ambulatori e le altre strutture sanitarie sono strutture aperte al pubblico, motivo per cui hanno l’obbligo di elaborare un piano di protezione. Lei, in quanto dipendente, ha l’obbligo di indossare una mascherina. L’obbligo di indossare una mascherina non si applica alle persone sottoposte ad una cura medica inerente il viso.

I Cantoni devono inoltre garantire che gli ospedali e le cliniche abbiano una capacità sufficiente per trattare i pazienti COVID-19. A tal fine, possono obbligare gli ospedali e le cliniche a:

  • mettere a disposizione o tenere a disposizione su richiesta le loro capacità nel settore stazionario
  • limitare o sospendere gli esami e i trattamenti medici non urgenti

(Data: 19.10.2020)


Il documento è stato utile?