Protezione dei dati dei dipendenti

Via legale

Ben e la sua datrice di lavoro non sono d’accordo in materia di protezione deid dati e si ritrovano in tribunale. Cosa deve considerare Ben?

Procedimento in materia di diritto del lavoro

Situazione di fatto

Nella procedura di diritto del lavoro, il tribunale può chiarire se la datrice di lavoro ha violato la personalità di Ben trattando i suoi dati in modo inammissibile.

Procedura

Di regola, il Tribunale federale qualifica i crediti derivanti dal diritto del lavoro come crediti di proprietà. Il fattore decisivo per la valutazione è se l'azione persegue, in ultima analisi, uno scopo prevalentemente economico. Tuttavia, di solito è difficile quantificare l'importo effettivo della controversia in materia di protezione dei dati.

Le procedure di diritto del lavoro iniziano generalmente con una procedura di conciliazione. Se l'importo della controversia supera i 100'000 franchi svizzeri, le parti possono presentare direttamente un ricorso. Se il tentativo di conciliazione non ha avuto successo, le parti possono adire il tribunale. Se una parte non è d'accordo con la decisione di primo grado, può fare appello e infine presentare ricorso al Tribunale federale.

Costi

La procedura di conciliazione è gratuita. Nel prosieguo del procedimento, il tribunale non addebita alcuna spesa giudiziaria fino a un importo massimo di CHF 30'000.—, ma Ben, quale parte soccombente deve pagare le spese giudiziarie in base alle tariffe cantonali. Il tribunale può discostarsi da questi principi, in particolare se una parte conduce intenzionalmente la causa o se il risultato è iniquo. Chiunque causi spese processuali non necessarie deve pagarle. Inoltre, i Cantoni possono prevedere norme più generose.

Procedura di protezione dei dati

Situazione di fatto

Nei procedimenti in materia di protezione dei dati, Ben può in particolare esigere che l'elaborazione dei dati sia bloccata, che i dati non siano comunicati a terzi o che i dati personali siano corretti o distrutti. L'altra parte può esigere che Ben faccia valere il suo diritto all'informazione in tribunale. Ben può in particolare chiedere che una rettificazione o la sentenza sia comunicata a terzi o pubblicata.

Se la datrice di lavoro ha deliberatamente divulgato l'applicazione o la cartella personale a persone non autorizzate o non ha trattato i dati sanitari in modo confidenziale, Ben può sporgere denuncia penale nei suoi confronti.

Procedura

Il tribunale decide sulle azioni per far valere il diritto all'informazione e su tutte le controversie immobiliari fino a CHF 30'000.- in una procedura semplificata. Anche in questo caso, la procedura inizia con un tentativo di conciliazione, anche se è possibile rinunciarvi solo nel caso di controversie immobiliari. Una parte può presentare appello contro la decisione di primo grado.

Lo svolgimento del procedimento penale è disciplinato dal codice di procedura penale e comprende il procedimento preliminare condotto dalla procura e l'udienza principale dinanzi al tribunale. Il pubblico ministero o la parte convenuta possono presentare ricorso contro la decisione di primo grado e, in ultima istanza, presentare ricorso al Tribunale federale.

Costi

Nei procedimenti in materia di protezione dei dati, il tribunale può chiedere a Ben rispettivamente all'attore un pagamento anticipato fino all'importo delle presunte spese processuali.

Nei procedimenti penali, la Confederazione e i Cantoni sostengono generalmente le spese processuali, ma l'autorità penale può farvi ricorso in determinate circostanze.

Termini & formalità

Procedimento in materia di diritto del lavoro

Far valere un proprio diritto

Ben, quale parte attrice, deve far valere i diritti derivanti dal rapporto di lavoro al più tardi 5 anni dopo la loro scadenza con una domanda di conciliazione o un ricorso.

Attenzione: La maturazione del diritto non significa necessariamente la fine del rapporto di lavoro.

Procedura di conciliazione

Ben, quale parte attrice, può presentare la domanda di conciliazione firmata in forma cartacea o elettronica con una firma elettronica qualificata o mediante dichiarazione verbale. La parte attrice deve presentare la richiesta di conciliazione entro e non oltre l'ultimo giorno del termine o, se il termine scade di sabato, domenica o in un giorno festivo riconosciuto, il giorno lavorativo successivo, per posta o oralmente. L'audizione di conciliazione si svolge entro due mesi dalla presentazione della richiesta di conciliazione ed si svolge senza formalità.

Causa

Dopo una conciliazione non riuscita, l'autorità di conciliazione concede il diritto di proporre un'azione valida entro tre mesi. Le parti possono impugnare la decisione di primo grado entro 30 giorni dalla ricezione della decisione motivata. L’autorità giudiziaria superiore notifica la sua decisione per iscritto e la motiva. Le parti possono presentare ricorso al Tribunale federale entro 30 giorni dalla notifica.

Procedura di protezione dei dati

Se nel cantone interessato esiste un tribunale commerciale, esso è competente a giudicare le controversie derivanti da una violazione della personalità attraverso il trattamento dei dati, a condizione che Ben sia iscritto nel registro di commercio. In caso contrario, è competente il tribunale del domicilio del convenuto.

Le autorità del luogo in cui il reato è stato commesso sono responsabili dell'azione penale e della valutazione del reato.

Il documento è stato utile?