Covid-19 FAQ

Test COVID-19

Qual è la differenza tra un test COVID-19 e un test degli anticorpi?

Il test COVID-19 mostra se sei infetto dal coronavirus al momento del test, rilevando il materiale genetico virale (test PCR) o gli antigeni (test rapidi).

Un test degli anticorpi, invece, può chiarire se sei stato infettato dal coronavirus in passato.

Cosa sono le analisi raggruppate?

Le analisi raggruppate sono utilizzate per testare individui asintomatici utilizzando un test PCR COVID-19 come parte di un'indagine su un focolaio o un controllo ordinato da un medico.

Chi può eseguire un test PCR COVID-19?

Laboratori con autorizzazione secondo la legge sulle epidemie. Questa legge stabilisce che un’autorizzazione è necessaria per "test microbiologici per individuare malattie trasmissibili".

Chi può eseguire un test rapido COVID-19?

Secondo la legge COVID-19 il Consiglio federale ha il potere di concedere esenzioni dall'obbligo di autorizzazione per i laboratori. Per l'esecuzione dei test rapidi ha esentato alcune istituzioni dall'obbligo di autorizzazione tramite l'ordinanza 3 COVID-19. Distingue tra test rapidi biologici molecolari per uso specialistico, test rapidi per uso specialistico e autotest.

Test rapidi di biologia molecolare per uso professionale

I "test molecolari rapidi" sono tutti i test in cui il campione viene preparato automaticamente in un laboratorio e viene determinata la concentrazione del virus nel campione.

Le seguenti istituzioni e persone sono autorizzate a eseguire test rapidi di biologia molecolare:

  • laboratori con un‘autorizzazione secondo la legge sulle epidemie;
  • al di fuori di questi laboratori, a condizione che la direzine del laboratorio di un tale laboratorio si assuma la responsabilità dell'esecuzione dei test.

Test rapidi per uso specialistico

Le seguenti istituzioni e persone sono autorizzate a eseguire test rapidi per uso professionale:

  • laboratori con un‘autorizzazione secondo la legge sulle epidemie;
  • studi medici, farmacie, ospedali, case di riposo e di cura e istituzioni socio-sanitarie, così come nei centri di sperimentazione gestiti dal Cantone o per suo conto;
  • Organizzazioni che forniscono cure infermieristiche e assistenza a domicilio, così come le persone che forniscono assistenza ai sensi della legge federale sull'assicurazione invalidità;
  • persone sotto la responsabilità di un direttore di laboratorio di un laboratorio con autorizzazione secondo la legge sulle epidemie:
Autotest

Le farmacie possono dispensare test rapidi a condizione che questi ultimi siano stati opportunamente certificati o approvati da Swissmedic e validati da un laboratorio autorizzato secondo la legge sulle epidemie.

(Stato: 15. März 2021)

Chi può eseguire un test per gli anticorpi COVID-19?

Un test degli anticorpi COVID-19 può essere eseguito dalle seguenti persone e istituzioni:

  • medici;
  • farmacisti;
  • ospedali;
  • laboratori di ospedali con un‘autorizzazione secondo la legge sulle epidemie;
  • case di cura;
  • organizzazioni che forniscono cure infermieristiche e assistenza a domicilio;
  • centri di test gestiti da o per conto del Cantone;
  • istituzioni medico-sociali e
  • assistenti secondo la legge federale sull'assicurazione invalidità.

(Stato: 28 ottobre 2020)

Chi paga per il test COVID 19?

Cf. articolo lexNews.

Dipende in particolare da quando lei ha fatto il test.
  • test tra il 24 giugno 2020 e il 15 marzo 2021: la Confederazione si assume le spese senza alcun contributo da parte del paziente, a condizione che lei abbia fatto eseguire il test in base ai criteri UFSP in vigore in quel momento.;
  • test prima del 24 giugno 2020: a seconda dei sintomi e della persona interessata, hanno pagato l'assicurazione di base, il Cantone o l'assicurazione contro gli infortuni o voi stessi se avete voluto fare il test su vostra richiesta.
Test a partire dal 15 marzo 2021

A partire dal 15 marzo, la Confederazione sostiene i costi del test, a condizione che siano soddisfatte le condizioni di cui all'allegato 6 dell'ordinanza 3 COVID-19.

Nel caso dei test PCR COVID-19 e dei test rapidi COVID-19 per uso specialistico, la Confederazione ora non si assume più i costi con rimborsi fissi, ma sulla base di una tariffa dinamica che diminuisce all'aumentare del numero di analisi. L'UFSP ha riassunto i dettagli della copertura dei costi in una scheda informativa.

Test tra il 24 giugno 2020 e il 15 marzo 2021

In caso di test tra il 24 giugno 2020 e il 15 marzo 2021 la Confederazione si assume i costi di un test COVID-19, a condizione che siano rispettati i criteri dell'UFSP in vigore in quel momento, in particolare per quanto riguarda i sintomi e il contatto con persone risultate positive al test. La Confederazione ha pagato l'importo massimo di 156 franchi svizzeri, che comprende le seguenti prestazioni:

  • Raccolta dei campioni: discussione del medico con il paziente, test dello striscio, materiale di protezione, trasmissione dei risultati del test al paziente;
  • Analisi chimiche di laboratorio: analisi, elaborazione degli ordini, costi generali, materiale di campionamento.

Gli operatori sanitari non possono addebitare al paziente alcun costo aggiuntivo come parte del test COVID-19. Allo stesso modo, non possono addebitare al paziente né una franchigia né un'aliquota percentuale.

Ma attenzione: la Confederazione copre questi costi solo se il test è stato ordinato da un medico. Se un datore di lavoro o un paziente ha richiesto il test senza che i criteri dell'UFSP fossero soddisfatti, il medico lo ha annotato sull'ordine del laboratorio. In questo caso, la Confederazione non ha coperto i costi.

Inoltre, i fornitori di servizi devono soddisfare i requisiti di autorizzazione secondo la legge sull'assicurazione malattia. Come scrive l'UFSP nel foglio informativo sulla copertura dei costi, la Confederazione non copre "le prestazioni fornite da centri di test o drive-in organizzati privatamente senza mandato cantonale".

Test prima del 24 giugno 2020

Prima del 24 giugno 2020, si applicavano le seguenti regole per il pagamento dei costi: se il test era necessario dal punto di vista medico, i costi erano sostenuti dall'assicurazione di base, dal cantone o dall'assicurazione contro gli infortuni, a seconda dei sintomi e della persona interessata. Se non c'era necessità medica, la persona sottoposta al test doveva sostenere i costi da sola.

Il test COVID-19 è stato inserito nell'elenco delle analisi dal 4 marzo 2020, motivo per cui l'assicurazione di base copre generalmente i costi, con riserva di franchigia e di aliquota percentuale. Oltre alla tariffa standard di 95 CHF per l'analisi, ci sono altri costi, come per l'esame e la valutazione. Questi sono anche coperti dall'assicurazione malattia, soggetti a franchigia e aliquota percentuale. L'assicurazione di base copre questi costi per il test COVID-19 nei seguenti casi:

  • lei è una persona particolarmente a rischio e mostra i sintomi di una malattia respiratoria acuta o perde improvvisamente l'olfatto o il gusto;
  • lei non è una persona particolarmente a rischio e ha sintomi di una malattia respiratoria acuta o perde improvvisamente l'olfatto o il gusto e il suo medico le ordina un attento monitoraggio come paziente esterno o ricoverato.

L'assicurazione di base non può coprire i costi di un test che lei ha effettuato su sua richiesta e senza necessità medica. Il suo medico deve annotarlo sull'ordine al laboratorio e lei stesso deve pagare il test per intero.

Il Cantone ha coperto il costo del test COVID-19 nei seguenti casi:

  • non è una persona particolarmente a rischio e ha sintomi di una malattia respiratoria acuta o perde improvvisamente l'olfatto o il gusto e il suo medico non ordina un monitoraggio stretto;
  • lei è un operatore sanitario o lavora in una casa di cura e non ha sintomi, ma il medico cantonale ordina comunque un test COVID-19.

L'assicurazione contro gli infortuni copre i costi del test COVID-19 se si tratta di una malattia professionale: è il caso se lei è un operatore sanitario o lavora in una casa di riposo o di cura e lei è esposto a un rischio di infezione particolarmente elevato. In questo caso, il suo medico potrebbe ordinare un test anche se lei ha una malattia senza sintomi gravi.

(Stato: 15 marzo 2021)

Chi paga per l'autotest COVID-19?

Non appena saranno disponibili autotest certificati, approvati e convalidati, le farmacie potranno dispensarli su presentazione della tessera assicurativa.

La Confederazione copre il costo di 5 test per persona entro 30 giorni. La farmacia deve informare il cliente che se vengono effettuati più di 5 test in 30 giorni, il cliente deve sostenere le spese da solo.

Attenzione: la fatturazione avviene secondo il sistema del terzo pagante. Se si paga l'autotest da soli in farmacia, il rimborso non è più possibile.

Il medico, il laboratorio, la farmacia, l’ospedale o centro di test possono addebitarmi direttamente il test COVID-19?

No, se il test COVID-19 è stato fatto dopo il 15 marzo 2021, secondo il foglio informativo sulla copertura, o è stato ordinato dall'UFSP prima del 15 marzo 2021, in base ai criteri applicabili dell'UFSP.

Test dopo il 15 marzo 2021

Se lei ha fatto il tuo test il 15 marzo 2021 o dopo, la Confederazione di regola coprirà i costi.

Affinché la Confederazione possa assumersi i costi dei test, sia voi come persona sottoposta al test che le persone preposte al test o le organizzazioni di test e di analisi devono soddisfare determinati requisiti che il Consiglio federale ha fissato nell'allegato 6 dell'ordinanza 3 COVID-19. I test rapidi di biologia molecolare per uso specialistico e gli altri test rapidi per uso specialistico sono gratuiti per tutte le persone sottoposte al test. Nel caso dei test PCR COVID-19, la Confederazione si assume la responsabilità in particolare per le persone sintomatiche e in relazione a una quarantena, agli obblighi di test, alle analisi in comune o a un'indagine sui focolai.

La fatturazione avviene secondo il sistema del terzo pagante, quindi lei non è obbligato a pagare in anticipo.

Test prima del 15 marzo 2021

Se lei ha fatto il test prima del 15 marzo 2021, il fornitore di servizi deve inviare la fattura direttamente alla cassa malattia o al Cantone nel sistema del terzo pagante. Questo vale anche se, per esempio, il medico ha fornito servizi aggiuntivi durante la stessa consultazione. Deve emettere una fattura separata per questi.

Affinché i laboratori possano fatturare elettronicamente, l'istituzione o la persona responsabile del test deve assicurarsi che le informazioni necessarie, in particolare il numero dell'assicurato e del cliente della persona testata, siano annotate sull'ordine al laboratorio.

(Stato: 15 marzo 2021)


La mia datrice di lavoro mi manda a fare il test per il COVID-19. Chi paga?

Dal 15 marzo 2021 la Confederazione si assume generalmente i costi del test COVID-19, indipendentemente da chi ha richiesto il test nel caso specifico (vedi sopra). Se lei si è sottoposto al test prima del 15 marzo 2021 su richiesta della sua datrice di lavoro, la sua datrice di lavoro deve generalmente sostenere i costi.

Per un test effettuato prima del 15 marzo 2021 la Confederazione copre i costi del test COVID-19 solo se lei ha soddisfatto i criteri UFSP in vigore all'epoca. Se lei lavora in un ospedale, in una casa di riposo o di cura o in un'altra istituzione socio-sanitaria e lei è a stretto contatto con persone particolarmente a rischio, la sua datrice di lavoro potrà ordinare dal 28 gennaio 2021 dei test ripetuti sulla base dei criteri dell'UFSP, i cui costi saranno a carico della Confederazione.

Se la sua datrice di lavoro ha richiesto il test senza che i criteri dell'UFSP siano soddisfatti, il fornitore di servizi lo ha annotato sull'ordine del laboratorio. In questo caso, la Confederazione non copre i costi e la fattura viene inviata alla sua datrice di lavoro.

(Stato: 15 marzo 2021)

Mi sono fatto testare perché altrimenti non sarei potuto andare in vacanza. Chi paga per il test COVID-19?

Dal 15 marzo 2021, il governo federale si assume fondamentalmente i costi del test COVID-19, indipendentemente da chi ha richiesto il test nel caso specifico (vedi sopra). Se invece lei si è fatto testare su sua richiesta prima del 15 marzo 2021, deve sostenere lei stesso le spese.

Nel caso in cui un test sia stato effettuato prima del 15 marzo 2021, la Confederazione si assume i costi del test COVID-19 solo se sono soddisfatti i criteri UFSP in vigore prima di quella data. Se vi siete fatti testare su vostra richiesta senza aver soddisfatto i criteri dell'UFSP, il fornitore di prestazioni lo annoterà sull'ordine del laboratorio. In questo caso, la Confederazione non copre i costi. In questo caso l’assicurazione malattia non paga nulla e la fattura viene inviata direttamente a voi. Tuttavia, il suo medico deve informarla prima del test che dovrà sostenere i relativi costi.

(Stato: 15.3.2021)

Chi paga per il test degli anticorpi COVID-19?

La Confederazione, a condizione che il medico cantonale competente abbia ordinato l'esame. Se il medico cantonale non ha espressamente ordinato il test, dovete pagarlo voi stessi e la vostra assicurazione malattia non si assume i costi.

Se il medico cantonale ha ordinato il test per gli anticorpi, la Confederazione si assume le spese fino ad un massimo di 99 franchi svizzeri, che comprendono le seguenti prestazioni:

Gli operatori sanitari non devono addebitare al paziente alcun costo aggiuntivo per il test COVID-19.

(Stato:28 ottobre 2020)

Il datore di lavoro o la scuola possono obbligarmi a fare il test COVID-19?

No.

Tuttavia, non è chiarose un datore di lavoro o una scuola possono imporre sanzioni a chi si rifiuta di fare il test, poiché non sono ancora state emesse sentenze in materia. Poiché un test obbligatorio per il COVID-19 sarebbe una violazione dei diritti fondamentali, qualsiasi test obbligatorio deve soddisfare i principi costituzionali, dove la proporzionalità è di particolare importanza.

In termini di diritto del lavoro, si deve supporre che un datore di lavoro possa esigere un test in certi casi sulla base del suo dovere di diligenza e sospendere il pagamento dello stipendio in caso di rifiuto. Se il Consiglio federale può obbligare un dipendente a vaccinarsi in base alla sua attività particolarmente esposta - in questo caso il servizio sanitario in particolare - un rifiuto di sottoporsi al test giustificherebbe probabilmente anche un licenziamento (ordinario).

In termini di diritto scolastico, un'esclusione temporanea dello studente il quale o i cui genitori rifiutano di partecipare a un test è probabilmente legittima. Tuttavia, ci sono anche opinioni dottrinali secondo le quali un'esclusione dalla scuola, soprattutto nella scuola dell'obbligo, è lecita solo se si tratta di un esame fatto a seguito di uno o più test positivi all'interno della scuola per arginare un focolaio. Nel caso di test puramente preventivi, secondo questa linea di argomentazione, la proporzionalità di una vaccinazione obbligatoria non è data.

Un test COVID-19 negativo può porre fine alla quarantena?

A certe condizioni, sì.

Il test deve essere effettuato non prima del settimo giorno di quarantena, sia con un test COVID-19 PCR che con un test rapido. La Confederazione si assume ora i costi di questo test. Dovete poi presentare il risultato negativo del test all'autorità cantonale competente, che deve acconsentire alla fine anticipata della quarantena.

In questo caso, è necessario indossare una mascherina fuori casa e mantenere una distanza di 1,5 metri dalle altre persone fino alla scadenza della quarantena originariamente prevista. Questa prescrizione non è valida per i bambini sotto i 12 anni.

(Stato: 15 marzo 2021)



Il documento è stato utile?