Autorità

L'ufficio esecuzioni può pignorare i miei libri?

Di principio sì, purché non si tratti di beni impignorabili.

I beni impignorabili sono i libri di cui lei ha bisogno per l'esercizio della sua professione, così come i libri religiosi e gli oggetti del culto.

Procedura di pignoramento

Se la sua creditrice ha inoltrato una domanda d‘esecuzione, l'ufficio esecuzioni emette un precetto esecutivo e lo notifica a lei direttamente o per posta. Lei può fare opposizione entro dieci giorni o pagare la fattura. Se lei non fa l'una o l'altra cosa, la creditrice può chiedere la continuazione dell'esecuzione al più presto dopo 20 giorni e al più tardi entro un anno. Dopo aver ricevuto la domanda di continuazione, l'ufficio di esecuzioni effettuerà senza indugio il pignoramento. L’ufficio la avvisa del pignoramento almeno il giorno prima. Come debitore su richiesta dell'ufficiale lei deve aprire i locali e i ripostigli. Inoltre lei dev‘essere presente o farsi rappresentare durante il pignoramento.

Se lei ha fatto opposizione, la sua creditrice deve andare in Tribunale per poter continuare la procedura di esecuzione.

Ordine del pignoramento

L'ufficio di esecuzione pignora prima i beni mobili e di questi dapprima i beni pignorabili. L'ufficio di esecuzione decide a sua discrezione quali beni sono pignorabili, ma non può procedere in modo arbitrario. L'ufficio esecuzioni può derogare alla sequenza prevista dalla legge, se le circostanze lo giustificano o se la creditrice e il debitore lo richiedono congiuntamente. Per il resto, l'ufficio di esecuzione dovrebbe tenere conto, per quanto possibile, sia dei suoi interessi sia di quelli della creditrice.

Beni impignorabili

La legge elenca i beni che non possono essere pignorati. Di norma non è così per i libri, ma ci sono due eccezioni. In primo luogo non sono pignorabili i libri che sono necessari a lei e alla sua famiglia per l’esercizio della professione. In secondo luogo non sono pignorabili i "libri religiosi", come la Bibbia o il Corano. Questi sono impignorabili secondo la giurisprudenza del Tribunale federale solo se "formano effettivamente l'oggetto di venerazione religiosa". Chi accumula libri religiosi senza avere una vera e propria relazione religiosa con essi, dovrà accettare il pignoramento di queste opere.

A proposito: anche se i libri rientrano tra i beni impignorabili, che vengono lasciati a sua disposizione liberamente, saranno inclusi nell'inventario.