In viaggio

Posso guidare una e-bike veloce su una pista ciclabile?

Sì. Lei può farlo a patto di utilizzare con la sua e-Bike le ciclopiste e le corsie riservate.

La legge sulla circolazione stradale prevede che la ciclopista è riservata ai ciclisti e che questi ultimi debbano utilizzare le ciclopiste e le corsie a loro riservate. La legge definisce le biciclette come "veicoli senza motore". Tuttavia l’ordinanza sulle norme della circolazione stabilisce che „i conducenti di ciclomotori (…) devono conformarsi alle norme per i ciclisti“.

Spegnere il motore dell’E-Bike

Ma ora è possibile con la vostra veloce e-bike con pedalata assistita guidare fino a 45 km/h. Questo è un po' veloce per una ciclopista o corisa ciclabile, anche se non ci sono velocità massime espressamente prescritte da leggi o regolamenti.Anche perché la legge prevede ancora che le biciclette non siano dotate di motore, è necessario regolare di conseguenza la velocità sulla ciclopista o corsia ciclabile. Tuttavia, se si desidera guidare il proprio ciclomotore su una strada su cui è indicato il divieto parziale „Divieto di circolazione per i ciclomotori“ è necessario spegnere il motore.

Obbligo del casco e dell’assicurazione per e-Bike veloci

Queste biciclette elettriche veloci, ossia i ciclomotori con una velocità massima per costruzione di 30 km/ o una velocità massima di 45 km/h in caso di pedalata assistita, sono soggette all'obbligo del casco e alle disposizioni dell'assicurazione di responsabilità civile obbligatoria per i veicoli a motore.

Regolare la velocità

Questo obbligo di portare il casco e obbligo dell‘assicurazione non si applica alle e-bike lente, cioè ai ciclomotori leggeri con tra l’altro velocità massima per costruzione di 20 km/h o 25 km/h in caso di pedalata assistita. Ma anche qui è necessario regolare la velocità su ciclopiste e corsie ciclabili. Tuttavia questi veicoli non richiedono lo spegnimento del motore su strade contrassegnate da un "Divieto di circolazione per ciclomotori".