Lavorare

Il tempo è pazzerello: la temperatura dell'ufficio deve essere sempre la stessa?

No. Tuttavia, il vostro datore di lavoro deve garantire la protezione della vostra salute sul posto di lavoro e di conseguenza anche regolare la temperatura della stanza in modo tale che non danneggi la vostra salute.

In merito alla regolazione della temperatura dell’ambiente valgono le misure di protezione della salute previste dal diritto del lavoro: il datore di lavoro "deve prendere tutti i provvedimenti, che l’esperienza ha dimostrato necessari, realizzabili secondo lo stato della tecnica e adeguati alle condizioni d’esercizio". Per la temperatura della stanza, questo significa che il tuo datore di lavoro deve garantire un "clima consono al genere di lavoro".

Temperatura della stanza

Dato che le norme sulla salute e la sicurezza sul lavoro riguardano voi come dipendenti, il fattore decisivo è la temperatura ambiente percepita sul vostro posto di lavoro. Secondo la Seco, questo è "composto dalla temperatura dell'aria nel luogo in questione e dalla temperatura di radiazione delle superfici circostanti (pavimento, pareti, soffitto, ecc.)”. Se, per esempio, le pareti o le finestre sono poco isolate, la temperatura all'interno di una stanza può essere diversa.

Temperatura massima e minima

I valori guida per una temperatura ambiente appropriata dipendono dalla vostra attività e in parte dalla stagione. Se lavorate in un ufficio, un valore indicativo tra 21 e 23 gradi si applica durante il "periodo di riscaldamento" nella stagione più fredda. Durante il "periodo di raffreddamento", cioè nella stagione più calda, la linea guida è 23-26 gradi. Per un lavoro leggero o moderato, in piedi o a piedi, la linea guida è di 18-21 gradi, e per un lavoro fisico moderato, 16-19 gradi.

Durante una temporanea ondata di caldo, si possono accettare temperature più alte per un tempo limitato. L'ordinanza sulla protezione della maternità stabilisce ulteriori requisiti nell'ambito del diritto del lavoro: in particolare per le donne incinte, le temperature dei locali superiori ai 28 gradi sono considerate pericolose e sono quindi ammissibili solo dopo un'adeguata valutazione dei rischi.

Differenze di temperatura

Non è solo la temperatura della stanza ad essere decisiva per il benessere sul posto di lavoro, ma anche eventuali differenze di temperatura. Per questo motivo, la Seco afferma, per esempio, che la differenza tra un locale di lavoro raffreddato e la temperatura esterna non deve superare di regola gli 8 gradi. All'interno del locale di lavoro, la differenza di temperatura tra il pavimento e la stanza all'altezza della testa non deve superare i 3 gradi. Queste specifiche non si applicano al lavoro in stanze non riscaldate o all'aperto.

Diverse sensazioni di temperatura

Mentre un dipendente trova una temperatura più fredda "appropriata", un altro si sente a suo agio solo con qualche grado in più. Nell'ambito delle norme sanitarie, il datore di lavoro può mettere da parte il bisogno di un dipendente a favore del bisogno di un altro dipendente, a condizione che non lo molesti deliberatamente e quindi ferisca la sua personalità.