Famiglia

Mio figlio può giocare a calcio il sabato nonostante sia il giorno di visita del padre?

Sì, purché sia nell'interesse del bambino. Questo perché il diritto di visita ha lo scopo di garantire uno scambio reciproco tra il genitore non affidatario e il bambino, in particolare per garantire l'interesse del bambino.

Se il bambino vive con un solo genitore, il diritto di visita serve a garantire lo scambio reciproco tra il bambino e l'altro genitore. Il diritto di visita deve essere strutturato in modo tale che sia la migliore soluzione possibile per il bambino. Se i genitori non trovano una soluzione, l'autorità per i minori e gli adulti (ARP) può intervenire a sostegno. A seconda dell'età del bambino, anche quest'ultimo può avere voce in capitolo.

L'interesse del bambino è il punto centrale del diritto di visita.

Anche se un bambino partecipa a un torneo di calcio praticamente ogni fine settimana, il padre deve accettarlo, purché questa carriera sportiva serva l'interesse del bambino. La situazione sarebbe diversa se il genitore affidatario mandasse il bambino ai tornei solo per fargli trascorrere meno tempo con il padre. Nella strutturazione delle relazioni personali e quindi anche del diritto di visita, entrambi i genitori devono astenersi da tutto ciò che alteri i rapporti del figlio con l’altro genitore.

Se necessario, l‘ARP interviene nella regolamentazione del diritto di visita

Se i genitori non riescono a trovare un accordo su come attuare il diritto di visita, possono contattare l‘ARP. In particolare, l‘ARP può ammonire e dare istruzioni, se l'attuazione delle relazioni personale è dannosa per il bambino. Se questo non è sufficiente, l’ARP deve (ri)regolamentare il diritto di visita. Per inciso, lo stesso vale indipendentemente dal fatto che i genitori siano o siano stati sposati .

Il bambino può avere voce in capitolo sul diritto di visita

Nel regolare i diritti di visita, le autorità tengono conto anche della volontà del bambino, a seconda della sua età. Nel farlo, tengono conto delle espressioni di volontà del bambino, ma non si basano esclusivamente sulle sue dichiarazioni: l'interesse superiore del bambino può essere in conflitto con la volontà espressa dal bambino, ad esempio se un genitore ha esercitato pressioni sul bambino o lo ha influenzato con promesse di regali o simili .

A partire dall'età di 12 anni circa, i tribunali presumono che un bambino formi la propria volontà in modo autonomo. Nel caso di un adolescente, i tribunali e l‘ ARP si baseranno quindi sulle dichiarazioni del bambino in caso di controversia sui diritti di visita.

Vedi anche: «Posso decidere a 15 anni se mio padre può farmi visita?»

Aggiornato il 13 ottobre 2022