Lavorare

Un cittadino dell'UE può in ogni caso lavorare in Svizzera?

No. Prima di tutto, è necessario distinguere la nazionalità della persona che desidera lavorare in Svizzera.

I cittadini della cosiddetta UE-26 (Belgio, Bulgaria, Danimarca, Germania, Estonia, Finlandia, Francia, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Austria, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Svezia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Ungheria, e Cipro) godono della piena libertà di circolazione conformemente all'Accordo sulla libera circolazione delle persone.

Cittadini di un paese dell’UE-26

Il cittadino di uno di questi paesi può lavorare in Svizzera per tre mesi senza bisogno di un permesso di soggiorno. Tuttavia, il datore di lavoro deve registrare tale impiego online. Questo obbligo di notifica vale sia per i datori di lavoro domiciliati in un paese dell'UE-26 sia per i datori di lavoro domiciliati in Svizzera. I lavoratori indipendenti devono poter dimostrare la loro indipendenza su richiesta delle autorità competenti.

Se uno dei cittadini UE-26 vuole lavorare in Svizzera per più di tre mesi, deve essere in grado di presentare alle autorità cantonali competenti un documento di viaggio valido nonché una dichiarazione di assunzione del datore di lavoro, o un certificato di lavoro. Con questi documenti ottiene il permesso di soggiorno.

Cittadini croati

Le disposizioni transitorie dell'Accordo sulla libera circolazione delle persone si applicano ai cittadini croati fino al 31 dicembre 2021. Di conseguenza, i cittadini croati necessitano in ogni caso di un permesso di lavoro per poter lavorare in Svizzera.

Cittadini britannici

Il Regno Unito (UK) ha lasciato l'UE il 31 gennaio 2020. Il periodo transitorio è scaduto il 31 dicembre 2020, il che significa che l'Accordo sulla libera circolazione delle persone non è più applicabile ai cittadini britannici. Mentre i cittadini britannici con permesso di soggiorno o di domicilio già validi prima del 31 dicembre 2020 conservano i loro diritti, il Consiglio federale ha imposto dei contingenti soprattutto per i nuovi arrivati.

(Stato: 1 gennaio 2021)