Lavorare

Un cittadino dell'UE può in ogni caso lavorare in Svizzera?

No. Prima di tutto, è necessario distinguere la nazionalità della persona che desidera lavorare in Svizzera.

I cittadini della cosiddetta UE-25 (Belgio, Danimarca, Germania, Estonia, Finlandia, Francia, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Austria, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Svezia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Ungheria, Regno Unito, e Cipro) godono della piena libertà di circolazione conformemente all'accordo sulla libera circolazione delle persone, secondo le seguenti disposizioni:

La persona può lavorare in Svizzera per tre mesi senza bisogno di un permesso di soggiorno. Tuttavia, il datore di lavoro deve registrare tale impiego online. Questo obbligo di notifica vale sia per i datori di lavoro domiciliati in un paese dell'UE-25 sia per i datori di lavoro domiciliati in Svizzera. I lavoratori indipendenti devono poter dimostrare la loro indipendenza su richiesta delle autorità competenti.

Se una persona con cittadinanza UE-25 vuole lavorare in Svizzera per più di tre mesi, deve essere in grado di presentare alle autorità cantonali competenti un documento di viaggio valido nonché una dichiarazione di assunzione del datore di lavoro, o un certificato di lavoro. Con questi documenti ottiene il permesso di soggiorno.

Il Regno Unito (UK) prevede di lasciare l'UE il 29 marzo 2019. Non è ancora chiaro se il Regno Unito concorderà una fase di transizione con l'UE. Al più tardi a partire dalla fine di questo periodo transitorio, l'accordo sulla libera circolazione delle persone non sarà più applicabile ai cittadini britannici. In seguito, le autorità cantonali possono richiedere, tra l'altro, un estratto del casellario giudiziario se un cittadino britannico vuole lavorare in Svizzera. Il Consiglio federale sta inoltre pianificando delle quote per i dipendenti britannici.

Per i cittadini dei due cosiddetti Stati UE-2 Bulgaria e Romania, se impiegati in Svizzera per più di tre mesi e ciò fino al 31 maggio 2019, vale la clausola di salvaguardia. Tale clausola legittima il Consiglio federale ad applicare il diritto di fissare il numero massimo di permessi di soggiorno. Il Consiglio federale si è avvalso di questo diritto. I dipendenti che desiderano lavorare in Svizzera per meno di un anno non sono interessati dalla clausola di salvaguardia. Dal 1° giugno 2019, le persone in possesso di un passaporto bulgaro o rumeno godranno della piena libertà di circolazione, come i cittadini dell'UE-25.

Infine, per i cittadini croati si applicano le disposizioni transitorie dell'Accordo sulla libera circolazione delle persone fino al 31 dicembre 2021. I cittadini croati, se dipendenti, necessitano in ogni caso di un permesso di lavoro per lavorare in Svizzera.