Salute

L'assicurazione malattie deve offrire premi ridotti per i bambini?

Nell'assicurazione di base sì, nell‘assicurazione complementare no.

La cassa malati è tenuta per legge ad offrire per l'assicurazione di base premi più bassi per i bambini e i giovani adulti. Nelle assicurazioni complementari, invece, le casse malati sono libere nella loro struttura dei premi.

Premi ridotti per i bambini e i giovani adulti nell'assicurazione di base

La cassa malati stabilisce i premi. Nell'assicurazione di base può concedere solo i ribassi sui premi previsti dalla legge; per i bambini e i giovani adulti, la cassa malati è tenuta a ridurre i premi: per i bambini fino a 19 anni il premio dev'essere inferiore a quello dei giovani adulti dai 19 anni in su e per i giovani adulti fino a 25 anni dev'essere inferiore a quello degli altri adulti. Alcune casse malati offrono ribassi supplementari sui premi a partire dal secondo o terzo figlio.

Franchigia e aliquota percentuale per i bambini nell'assicurazione di base

La cassa malattia deve consentire di assicurare un bambino senza franchigia. Ciò significa che non può stabilire che un bambino assicurato o i suoi genitori debbano pagare ogni anno una determinata parte delle spese mediche. Possono tuttavia offrire questo modello in aggiunta, per il quale la franchigia dev'essere di 100, 200, 300, 400, 400, 500 o 600 franchi.

L'assicurazione malattia addebita un'aliquota percentuale anche per i bambini: copre i costi giustificati e detrae il 10 per cento a carico della persona assicurata. Per i bambini è previsto un importo massimo di 350 franchi, oltre il quale la cassa malati deve coprire il 100% delle spese mediche giustificate.

Libera scelta del premio nelle assicurazioni complementari

Per quanto riguarda le assicurazioni complementari, la cassa malati è vincolata dalla legge sul contratto d'assicurazione (LCA). La LCA non stabilisce in che modo la cassa malati deve determinare i premi per le sue assicurazioni complementari. Può concedere riduzioni sui premi per i bambini, ma non ne è obbligata.