Consumo & Internet

La mia chiesa è ora adibita a ristorante. E' consentito?

In sostanza, sì. Tuttavia, il diritto canonico, dei monumenti storici e della pianificazione del territorio limitano fortemente le possibilità di conversione.

A causa soprattutto della perdita di membri, sempre più proprietari di edifici ecclesiastici - cantoni, parrocchie, associazioni, fondazioni, cooperative e altri - non possono più permettersi le loro chiese e la loro manutenzione. Una conversione degli edifici della chiesa è possibile in linea di principio, ma deve superare molti ostacoli legali.

Diritto canonico

Nella Chiesa cattolica, a seconda del suo valore, l'edificio della chiesa può essere venduto solo dopo aver consultato il vescovo responsabile o il papa. Se si tratta "solo" di una conversione, valgono come linee guida le raccomandazioni della Conferenza episcopale svizzera. La Conferenza episcopale respinge le conversioni "che servono esclusivamente a fini lucrativi o economici, in quanto contraddicono l'etica cristiana". Tuttavia, queste raccomandazioni non sono giuridicamente vincolanti, poiché l'autorità di decidere sulle conversioni spetta in ultima analisi al proprietario dell'edificio della chiesa o alle autorità competenti.

Non ci sono disposizioni nel diritto ecclesiastico protestante che regolano esplicitamente la conversione di una chiesa. Tuttavia, la Federazione delle Chiese protestanti svizzere, in un contributo alla questione della conversione delle chiese, sostiene anche l'uso pubblico degli edifici ecclesiastici se la conversione è necessaria. Anche questa, tuttavia, è solo una raccomandazione, poiché è il proprietario a decidere in ultima analisi, di concerto con le autorità competenti, in merito alla conversione.

Protezione dei monumenti storici

Le chiese esistenti sono spesso edifici storici e possono essere elencate come monumenti storici. Se la chiesa è elencata come oggetto di importanza nazionale, regionale o locale, le misure strutturali sono possibili solo in misura limitata.

Tuttavia, una conversione della chiesa, soprattutto come ristorante, richiede numerosi interventi strutturali: Ad esempio, l'installazione di una cucina o misure di protezione antincendio. Inoltre, il proprietario deve ristrutturare l'edificio per soddisfare i requisiti attuali, come le norme contro l’inquinamento fonico o della Legge sui disabili.

Disposizioni in materia di pianificazione del territorio

Una chiesa si trova spesso in una zona destinata a edifici e strutture pubbliche. In queste zone l'uso privato di edifici non è possibile. Se il ristorante non è collegato ad un'attività di interesse pubblico, come può essere il caso per un ristorante di un club sportivo, non può essere gestito in questa zona. Una conversione della chiesa è quindi spesso possibile sotto il profilo del diritto pianificatorio solo dopo un cambiamento del piano di zona.