Autorità

Il conseguimento della maturità è una prova sufficiente di conoscenza di una lingua nazionale per la naturalizzazione?

Sì, perché il diploma di maturità è regolato dallo Stato e riconosciuto a livello federale. Il comune non può quindi pretendere che un'altra autorità statale riesamini le competenze linguistiche nella procedura di naturalizzazione. Questo è stato stabilito dal Tribunale federale nella sua sentenza dell'8 marzo 2022.

La Confederazione emana requisiti minimi per la naturalizzazione. In particolare, una persona che chiede di essere naturalizzata deve essere in grado di comunicare oralmente e per iscritto in una delle lingue nazionali. I cantoni possono stabilire criteri di integrazione più ampi e in particolare richiedendo anche la conoscenza della lingua locale. Tuttavia, devono accettare un diploma di maturità riconosciuto a livello federale come prova di conoscenza della lingua.

Domanda di naturalizzazione dopo aver superato la maturità

Un cittadino camerunese di madrelingua francese supera la maturità a 18 anni, ottenendo il voto pari a 4 nella materia "tedesco come lingua straniera". Poi inizia a studiare biomedicina con anche un corso di lingua tedesca all'Università di Friburgo.

Il consiglio comunale di Thun non accetta la sua domanda di naturalizzazione dopo il superamento dell'esame di maturità, perché non ha fornito la prova richiesta delle competenze linguistiche. L’autorità distrettuale e il tribunale amministrativo cantonale hanno respinto il ricorso. Il Tribunale federale accoglie invece il ricorso costituzionale sussidiario.

I cantoni possono richiedere la conoscenza di una lingua locale

Anche se il ricorrente, che è di madrelingua francese, soddisfa i requisiti linguistici previsti dal diritto federale per la naturalizzazione, il comune di naturalizzazione di Thun può insistere ulteriormente sulla conoscenza del tedesco come lingua locale: La costituzione cantonale bernese richiede una buona conoscenza di una lingua ufficiale e la legge cantonale sulla cittadinanza richiede anche la conoscenza corrispondente della lingua del distretto amministrativo del comune di naturalizzazione.

Il certificato di maturità è una prova sufficiente della conoscenza della lingua

Nella procedura di naturalizzazione, il livello di riferimento B1 per le competenze linguistiche orali e A2 per le competenze linguistiche scritte o un certificato corrispondente a questi livelli è considerato come prova delle competenze linguistiche secondo la Legge federale. L'Ordinanza sulla maturità e il curriculum del liceo cantonale richiedono competenze linguistiche superiori nella lingua tedesca come seconda lingua. Secondo la Segreteria di Stato della migrazione (SEM), che sostiene i cantoni nell'esame dei certificati linguistici, il comune di naturalizzazione ha fatto bene a non accettare la domanda perché l'ufficio competente non ha accettato l'esame di maturità come prova di conoscenza della lingua,

Il Tribunale federale, invece, è di diverso avviso: la procedura standardizzata deve mirare a escludere "certificati linguistici dubbi e di bassa qualità o insufficienti" nella procedura di naturalizzazione. Tuttavia, sembra "eccessivo e contrario al sistema" richiedere ad un richiedente per la naturalizzazione di far convalidare dal SEM il suo certificato di maturità riconosciuto a livello federale. "Secondo il Tribunale federale, "tutto sommato, è chiaramente contrario allo scopo della legge, contraddittorio all'interno dell'ordinamento giuridico, non obiettivo e criticabile non riconoscere il voto di 4 ottenuto per la materia di tedesco nel diploma di maturità del ricorrente come prova sufficiente di conoscenza della lingua per la naturalizzazione ordinaria".

Il Tribunale federale accoglie il ricorso e rinvia il caso al comune di Thun per una nuova valutazione. Il comune deve risarcire il ricorrente per la procedura davanti al Tribunale federale con 3.000 franchi.