Lavorare

Sono incinta. La mia datrice di lavoro può licenziarmi?

No, durante e per via della gravidanza la datrice di lavoro non può in principio licenziarla.

Durante la gravidanza e 16 settimane dopo il parto, è generalmente protetta dal licenziamento. Tuttavia, questo cosiddetto periodo di protezione inizia solo dopo il periodo di prova. La protezione contro il licenziamento non si applica nemmeno se il suo datore di lavoro termina il rapporto di lavoro senza preavviso per gravi motivi.

Tuttavia, secondo la legge sulla parità di trattamento, la gravidanza non può essere un motivo di licenziamento anche durante il periodo di prova, così come la maternità non è un motivo legittimo di licenziamento dopo la fine del periodo di protezione. D'altra parte, non c'è generalmente alcun diritto a una riduzione del carico di lavoro dopo il congedo di maternità, anche se un tale diritto è talvolta sancito dalla legge, in particolare nei rapporti di lavoro di diritto pubblico.

Disdetta durante la gravidanza

Se il suo datore di lavoro disdice il vostro rapporto di lavoro durante il periodo di protezione potete legalmente ignorarlo: la disdetta è nulla, il rapporto di lavoro rimane in vigore. Se il suo datore di lavoro vuole effettivamente disdire il rapporto di lavoro, deve farlo dopo la fine del periodo di protezione. Se lei è incinta ma non lo sa ancora, la conseguenza legale della disdetta durante il periodo protezione rimane la stessa: la disdetta è nulla, anche se inizialmente sembrava valida.

Se invece la gravidanza ha inizio durante il termine di disdetta, il licenziamento è generalmente valido, ma è riportato. Il termine di disdetta ricomincia a decorrere a far tempo dalle 16 settimane dopo la nascita.

Il periodo di protezione non si applica se il suo datore di lavoro la licenzia senza preavviso. Tuttavia, deve avere un valido motivo per farlo, cioè deve essere impossibile continuare il rapporto di lavoro secondo il principio della buona fede. I tribunali sono molto restrittivi ad ammettere questi gravi motivi. Per esempio, un valido motivo è dato se ha commesso un reato sul lavoro o si è sistematicamente rifiutata di lavorare.

Disdetta a causa della gravidanza

Il licenziamento a causa della gravidanza è valido durante il periodo di prova o dopo la fine del periodo di protezione, ma è in linea di principio abusivo. La Legge federale sulla parità dei sessi alleggerisce l'onere della prova in questo caso: deve solo provare che il licenziamento o il mancato impiego è dovuto alla sua gravidanza o maternità. Se ha successo, il suo datore di lavoro deve provare che ha disdetto il rapporto di lavoro per altri motivi. Il Tribunale federale non accetta ogni giustificazione, per esempio, ha respinto un semplice riferimento a una riorganizzazione e ha obbligato il datore di lavoro a pagare un risarcimento. (vedi: "Licenziata dopo il congedo di maternità: sempre consentito dopo la riorganizzazione?").

Tuttavia, se si candida per un lavoro sapendo che è incinta e che non può farlo - per esempio, perché è un lavoro pericoloso - deve informare il (futuro) datore di lavoro della sua gravidanza. Questo perché il datore di lavoro deve sapere se lei è adatta al lavoro e ha il diritto di chiedere le informazioni pertinenti. Se il datore di lavoro decide di non assumerla o di licenziarla durante il periodo di prova, in questo caso non è abusivo.