Famiglia

Una madre in prigione ha il diritto di vivere con i suoi figli?

Di principio no, come ha deciso il Tribunale federale il 17 agosto 2020.

Il Tribunale cantonale di Lucerna ha condannato una madre single di un figlio di 6 anni e di una figlia di 13 anni ad una pena detentiva di 4 anni. La madre ha presentato ricorso contro la decisione di esecuzione e ha chiesto un adeguamento delle condizioni carcerarie per poter vedere più spesso i suoi figli, la semiprigionia o la sorveglianza elettronica. I Tribunali cantonali e federali hanno respinto il ricorso.

Principio di uguaglianza nel sistema penale

I Cantoni devono garantire un'esecuzione uniforme delle sanzioni penali. La semiprigionia o la sorveglianza elettronica con applicazione di apparecchi fissi sul corpo è possibile solo con una pena detentiva fino a 12 mesi e non è quindi un'opzione nel caso in questione. Di norma, la condanna definitiva deve essere eseguita indipendentemente dalle caratteristiche personali del condannato. Per le madri con bambini piccoli in particolare, il codice penale prevede infatti diverse forme di esecuzione, a condizione che ciò sia anche nell'interesse del bambino. Tuttavia, solo i bambini fino a tre anni sono considerati infanti.

Secondo il Tribunale federale, il fatto che l'esecuzione della sanzione sia un grande peso per la madre e in particolare per il figlio per il quale saranno necessarie cure esterne è "una conseguenza inevitabile della pena detentiva, che la denunciante avrebbe dovuto considerare già al momento degli atti quando era incinta".

Nessun diritto alla cura di sé

Secondo la recente giurisprudenza del Tribunale federale, si presume "che la cura di sé e la cura di terzi siano equivalenti". Secondo il Tribunale federale, la detenzione rende difficile per una madre avere un contatto personale con i propri figli. Tuttavia un rapporto si potrebbe considerare che venga mantenuto con un diritto di visita mensile. La Convenzione sui diritti del fanciullo, inoltre, non impedisce alla madre di scontare una pena detentiva, poiché protegge i fanciulli privati di libertà, ma non i loro genitori.

Il Tribunale federale ha respinto il ricorso della madre. Dovrà scontare la sua pena nella data stabilita nuovamente dalle autorità.