Lavorare

Biasimo me stesso per essermi rotto una gamba durante l’Open-Air e quindi non ho diritto al salario?

Per i primi due giorni dopo l'infortunio, ladatrice di lavoro deve versarle l'80% del salario.

Questo obbligo sussiste se, in qualità di dipendente, lei è impedito di lavorare senza una sua colpa. Il datore di lavoro non può quindi semplicemente rifiutarsi di pagare il salario, ma deve dimostrare che siete colpevoli. Non dovrebbe essere facile.

Assicurazione infortuni dopo il terzo giorno

A partire dal terzo giorno, l'assicurazione contro gli infortuni assume e paga un'indennità giornaliera. In caso d'incapacità lavorativa totale, viene erogata un’indennità pari all'80% del salario assicurato. Se si dimostra che l'infortunio è stato causato per colpa grave, l'assicurazione contro gli infortuni riduce l'indennità giornaliera.

Copertura per infortuni in caso di lavoro a tempo parziale

La situazione è diversa se lavorate meno di 8 ore alla settimana per il vostro datore di lavoro. In questo caso non siete assicurati obbligatoriamente contro un infortunio non professionale. Il datore di lavoro deve continuare a pagarvi il salario di tasca propria per un periodo di tempo limitato. Ciò vale se il rapporto di lavoro è durato più di tre mesi o è stato stipulato per più di tre mesi. Anche in questo caso, tuttavia, la legge prevede che il lavoratore non sia stato impedito di lavorare per colpa propria.