Lavorare

La mia datrice di lavoro deve coprire i costi della formazione continua?

Sì, se il capo ha ordinato la formazione continua. In linea di principio no, se lei si sta sottoponendo volontariamente alla formazione continua.

La formazione continua obbligatoria o prescritta dalla legge è a carico della datrice di lavoro. Lei non deve pagare la formazione continua volontaria se la sua datrice di lavoro ha accettato per contratto di assumerne i costi.

Formazione continua necessaria

I corsi di formazione continua obbligatori e richiesti dalla legge, così come gli esami corrispondenti, possono essere seguiti durante le ore di lavoro retribuite. Allo stesso modo, la sua datrice di lavoro deve coprire le spese di formazione continua, perché deve "rimborsare al dipendente tutte le spese rese necessarie dall'esecuzione del lavoro".

Formazione continua volontaria

Se non ha concordato diversamente con la sua datrice di lavoro, lei deve completare la formazione continua volontaria e gli esami associati nel suo tempo libero e pagarli da sé.

Tuttavia la sua datrice di lavoro deve favorire la sua formazione continua e rispettare la sua personalità. Non può proibirle di frequentare volontariamente ulteriori corsi di formazione e non può stabilire intenzionalmente dei programmi in modo tale che lei non possa frequentare ulteriori corsi di formazione o esami. È sua responsabilità accordarsi con il suo capo e annunciare per tempo gli orari dei corsi e le date degli esami.

Rimborso dei costi dopo la disdetta

I costi della formazione continua necessaria o ordinata fanno generalmente parte del rischio dell'azienda: se lei dà la disdetta prima che l'investimento nella sua formazione continua abbia dato i suoi frutti, la sua datrice di lavoro dovrà volente o nolente dimenticare il denaro. Rimane riservato il caso in cui è stato concluso un accordo di formazione.

Nel caso della formazione continua volontaria, la sua datrice di lavoro può coprire i costi, ma di solito chiede una garanzia contrattuale aggiuntiva per questo. Gli accordi di rimborso sono comuni nel caso in cui lei dia le dimissioni durante o poco dopo aver completato la formazione. Tuttavia anche un tale accordo non deve violare la sua personalità: come regola generale un obbligo di rimborso può esistere per un massimo di tre anni e l'importo da rimborsare si riduce gradualmente. Se la datrice di lavoro dà la disdetta, l'obbligo di rimborso generalmente decade. Un'eccezione si applica quando la datrice di lavoro termina il contratto a causa di una cattiva condotta chiara da parte del dipendente.

Rimborso dei costi in caso di mancato superamento degli esami

In caso di formazione supplementare volontaria, se la datrice di lavoro ha stipulato con lei, che lei deve rimborsare i costi del perfezionamento se non supera gli esami o interrompe il perfezionamento, ciò è generalmente ammissibile. Tuttavia se il suo capo non le ha dato il tempo concordato e necessario per frequentare i corsi o per studiare, non avrà successo in Tribunale nel reclamare la restituzione del denaro investito.