Autorità

Mio figlio deve frequentare la scuola dell’obbligo nella lingua ufficiale?

Dipende da dove risiede il ragazzo. Infatti i Cantoni possono determinare la lingua ufficiale sul loro territorio giurisdizionale. Sulla base di questo cosiddetto principio territoriale, essi possono quindi limitare la libertà di lingua ancorata nella Costituzione. Ad esempio un Cantone può stabilire che la scuola elementare sul suo territorio debba offrire le lezioni obbligatorie in tedesco, francese, italiano o romancio. Al fine di garantire l’unità linguistica e la coesione sociale ad essa correlata, il Cantone può imporre analogo obbligo anche alle scuole private, in pratica prescrivendo anche a queste ultime l’obbligo di impartire le lezioni agli allievi in età di scuola dell’obbligo nella lingua ufficiale. Questo vale in particolare nel caso dell’italiano e del romancio, dato che la Costituzione federale tutela in maniera particolarmente marcata queste due lingue.

In Cantoni con due o più lingue ufficiali la questione si complica. Se lei con suo figlio o sua figlia abitate in una regione plurilingue, ma in un Comune dove si parla una sola lingua, la scuola dove risiede non è obbligata ad offrire l’insegnamento in tutte le lingue ufficiali. Tuttavia lei ha la possibilità di mandare la bambina o il bambino a scuola in un altro Comune, affinché possa approfittare delle lezioni nella lingua ufficiale desiderata. Eventuali costi supplementari saranno tuttavia a suo carico. Si tratta ad esempio dei costi che la scuola del Comune vicino fattura per gli allievi provenienti da fuori Comune.