Consumo & Internet

Cosa succede all’abbonamento del giornale dopo la morte dell’abbonato?

Gli eredi possono dare la disdetta all’abbonamento del giornale. Se è possibile dare una disdetta straordinaria dipende dalle condizioni generali.

Quando una persona muore, tutti i diritti e gli obblighi passano ai suoi eredi. Così, gli eredi devono in linea di principio pagare le quote di abbonamento della persona deceduta, e hanno accesso ai contenuti del giornale.

Trasferire l’abbonamento agli eredi

Se un erede o un'altra persona desidera rilevare l'abbonamento a suo nome, può comunicarlo all'editore. La parte contraente è di conseguenza l'erede o l'altra persona.

Attenzione: Un abbonamento al giornale può essere che si rinnovi automaticamente. È controverso se ciò sia legalmente vincolante anche senza una clausola espressa da parte dell'editore. Se l'erede non vuole rinnovare l'abbonamento, deve in ogni caso dare la disdetta per il termine legale.

Disdetta anticipata dell’abbonamento

Un abbonamento è un'obbligazione continua che le parti possono in linea di principio terminare anticipatamente per "giustificati motivi". Se le Condizioni Generali (CG) indicano che la morte del cliente è un motivo valido, gli eredi possono rescindere l'abbonamento alle condizioni stabilite nelle CG.

Se le CG non prevedono nulla al riguardo, gli eredi possono trovare una soluzione individuale con l'editore, per esempio potrebbero chiedere all'editore che detragga i costi per la pubblicazione dell'avviso di morte dal costo dell’abbonamento.

Tuttavia, se l'editore non viene incontro agli eredi, questi possono cercare di sostenere che la continuazione dell'abbonamento sia eccessiva - finanziariamente o per altre ragioni. Non è possibile sapere se avranno successo con certezza, dato che non c'è una prassi giudiziaria in merito.

Vedasi anche: «Se trasloco posso rescindere anticipatamente il mio abbonamento in palestra?» e «Posso far cancellare il profilo Facebook di mia moglie deceduta?»