Salute

7 risposte in merito alla nuova legge sulle prestazioni complementari

1. Nonostante la sostanza posso beneficiare delle prestazioni complementari?

A dipendenza dell'ammontare della sostanza netta, sì. Se le spese riconosciute superano il reddito computabile, lei di principio ha diritto alle prestazioni complementari. Questo, se la sua sostanza netta è inferiore alla soglia di fr. 100.000.- (persone sole), fr. 200.000.- (coppie sposate) o fr. 50.000.- (bambini). Invece per i beneficiari di rendite di vecchiaia, dopo la deduzione dell'importo esente di fr. 30.000.- (persone sole) o fr. 50.000.- (coppie sposate), un decimo della sostanza netta conta come reddito ammissibile.

2. Posso percepire prestazioni complementari nonostante sia proprietario di un'abitazione propria?

Sì. Se ci abita lei stesso, la cassa di compensazione o l'autorità cantonale competente non includerà la sua casa nei beni rilevanti per il raggiungimento della soglia della sostanza. Tuttavia per i beneficiari di rendite di vecchiaia, il valore dell‘immobile che supera fr. 112'500 è aggiunto al reddito computabile in ragione di un decimo.

3. Posso sperperare il mio patrimonio per poter beneficiare di prestazioni complementari?

No. Dieci anni prima di avere diritto a una rendita di vecchiaia, non potete più disporre liberamente del vostro patrimonio senza rischiare la riduzione o la cancellazione di una prestazione complementare. Se spende più del 10% della sua sostanza all'anno, questo è generalmente considerato una rinuncia alla sostanza e la cassa di compensazione o l'autorità cantonale competente lo conterà nel reddito computabile.

Tuttavia, alcune spese non sono incluse nel reddito computabile, come i costi per le cure dentarie o le spese per mantenere il valore di immobili di proprietà.

4. Ho diritto a alle prestazioni complementari se ho rinunciato a un'eredità?

Presumibilmente no. Infatti, se avete rinunciato ad un'eredità „senza esservi giuridicamente tenuto e senza aver ricevuto una controprestazione adeguata", la cassa di compensazione o l'autorità cantonale competente lo tratterà come se non aveste mai rinunciato all'eredità ai fini del calcolo dell'eventuale prestazione complementare.

5. Qual è l'importo massimo che posso ottenere per l'affitto?

Gli importi massimi sono ora basati su tre regioni di affitto: metropolitano, urbano e rurale. Puoi scoprire in quale regione si trova il tuo comune qui.

Se lei è una persona sola, riceverà un massimo di CHF 1370.-/mese nel centro metropolitano, CHF 1325.-/mese in città e CHF 1210.-/mese in campagna. Gli importi aumentano nel caso in cui più persone vivano nella stessa famiglia. Per una famiglia di quattro persone, l'importo massimo aumenta di CHF180.-/mese nel centro metropolitano e di CHF 150.-/mese in città e in campagna.

6. I miei eredi devono restituire le prestazioni complementari?

Sì, a condizione che la somma superi i CHF 40‘000.—. È inclusa anche qualsiasi casa di proprietà del defunto.

Inizialmente, la moglie o il marito superstite non ha alcun obbligo di restituzione. L'obbligo di restituzione non sorge fino alla morte della vedova o del vedovo, a condizione che il patrimonio superi i CHF 40‘000.— in quel momento.

Una volta che la cassa di compensazione o un altro ufficio cantonale competente è venuto a conoscenza della richiesta di restituzione, deve far valere la richiesta entro un anno. Dieci anni dopo aver versato l'ultima prestazione supplementare, la richiesta di rimborso decade completamente.

7. Quali periodi transitori si applicano?

Se con il nuovo diritto ricevete meno prestazioni complementari che con la vecchia legge, avrete un periodo di transizione di tre anni. Tuttavia, se la nuova legge è vantaggiosa per voi, si applicherà a voi quando entrerà in vigore il 1° gennaio 2021.

L'obbligo di restituzione dei vostri eredi si applicherà solo alle prestazioni pagate dopo il 1° gennaio 2021. Allo stesso modo, il nuovo diritto riguardante la sostanza spesa "si applica solo alla sostanza spesa dopo la data di entrata in vigore della presente modifica".