Consumo & Internet

Un Tribunale può sorvegliare i dati del cellulare di un minorenne?

Sì, secondo quanto ha deciso il Tribunale federale nella sentenza dell'11 novembre 2019.

Un giovane è stato arrestato per avere violato la legge federale che vieta i gruppi "Al-Qaeda" e "Stato islamico" nonché le organizzazioni associate. Il Tribunale dei minori ha ordinato la sorveglianza retroattiva dei suoi dati di telefonia mobile, per la quale il Tribunale delle misure coercitive ha approvato la sorveglianza. Il Tribunale cantonale ha respinto il ricorso del giovane contro la sorveglianza. Il Tribunale federale ha confermato la sentenza cantonale.

Misure coercitive possibili anche nei processi penali minorili

Il giovane uomo ha sostenuto che la sorveglianza dei cellulari è contraria alla Costituzione. La sorveglianza viola in particolare la protezione dei fanciulli e degli adolescenti garantita dalla Costituzione e la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo: manca la base legale per questa restrizione dei diritti fondamentali. Tuttavia, come sottolinea il Tribunale federale, esiste la base legale necessaria per l'intervento: secondo il codice di procedura penale minorile l'autorità inquirente può ordinare misure coercitive nel procedimento penale minorile, che il procuratore pubblico è autorizzato ad adottare ai sensi del codice di procedura penale. La sorveglianza del traffico delle telecomunicazioni e, di conseguenza, dei dati della telefonia mobile è una misura coercitiva.

Poiché nel Cantone di Ginevra il Tribunale minorile è l'autorità inquirente ai sensi del codice di procedura penale minorile, era autorizzato a ordinare la misura coercitiva di sorveglianza della telefonia mobile. Il Tribunale federale ha respinto il ricorso e ha deciso che le autorità hanno raccolto legalmente i dati di telefonia mobile.