Abitare

L'odore di cibo del ristorante sale nel mio appartamento - cosa fare?

Se gli odori la disturbano nel suo benessere, dovrebbe segnalarlo alla sua locatrice. Se è lei stessa proprietaria, a determinate condizioni potrebbe avere diritto ad un risarcimento.

L'odore di fondue può essere delizioso per alcuni, ma per altri è un attacco al proprio benessere: gli odori di formaggio o altri odori intensi di cibo possono compromettere l’idoneità all‘uso della sua casa. Un evento unico di fondue non è sufficiente; gli odori del ristorante devono rendere la vita nel suo appartamento difficile per un periodo di tempo più lungo. In questo caso lei ha di principio il diritto di esigere che la sua locatrice ponga rimedio al difetto. Le sue possibilità di successo aumentano se ha affittato l'appartamento senza che la locatrice l'abbia informata in anticipo di eventuali effetti negativi causati da odori crescenti.

Come proprietaria di casa lei è disturbata dai cattivi odori nella sua proprietà e da ciò può derivarne una pretesa contro la proprietaria del ristorante.

Segnalare il difetto alla locatrice

Come inquilino lei deve annunciare il difetto alla sua locatrice e chiederle di eliminarlo. Questo vale indipendentemente dalla colpa. L'argomento secondo cui non è la proprietaria del ristorante e non può fare nulla per l'odore è di scarsa utilità per sua la locatrice: la locatrice deve provvedere a che l'appartamento sia privo di difetti. Spetta a lei decidere se lo fa, persuadendo il proprietario del ristorante a migliorare la ventilazione o apportando modifiche strutturali alla sua abitazione. Se sono necessari lavori di costruzione per rimediare al difetto, è necessario tollerarli

Se la sua locatrice entro un termine ragionevole non intraprende nulla contro il disturbo dato dall'odore , lei ha la possibilità di minacciare per iscritto la locatrice che entro un termine ragionevole depositerà l'affitto. Se ciò non serve a nulla, lei può depositare la pigione presso l'ufficio designato dal Cantone. È quindi necessario che lei avvii la procedura di conciliazione entro 30 giorni, altrimenti la locatrice riceverà le pigioni depositate.

Semplicemente non pagare la pigione è una pessima idea, perché in questo caso la locatrice può, dopo la fissazione scritta di un termine di pagamento con minaccia di disdetta, disdire il contratto di locazione con un preavviso di almeno 30 giorni per la fine di un mese.

Riduzione della pigione

Oltre alla richiesta di riparazione del difetto, lei può richiedere una riduzione della pigione e anche, se del caso, un risarcimento danni. La prima cosa da fare, come sopra descritto, è segnalare il difetto alla locatrice e chiedere che venga eliminato. Poi deve chiedere per iscritto alla locatrice di ridurre la pigione. Se la pretesa è giustificata, lei può richiedere la riduzione della pigione anche retroattivamente. La pretesa si prescrive in cinque anni.

Risarcimento danni per turbativa alla proprietà

Cosa succede se lei è il proprietario della casa e dunque non può rivalersi sulla sua locatrice? Il proprietario del ristorante deve astenersi da ogni eccesso pregiudizievole alla sua proprietà. In particolare non deve disturbare la sua proprietà con odori ingiustificati e sgradevoli. Per valutare se l'odore è eccessivo e sgradevole i tribunali si dipartono dalla sensibilità di una persona media posta in una situazione analoga. Se l'odore di cibo è eccessivo e sgradevole per il naso medio, lei come proprietaria lesa ha il diritto ad un risarcimento. Se durante la costruzione del ristorante non sono state rispettate le norme vigenti, lei ha anche il diritto all’eliminazione del danno.