Salute

Hanno diritto ad una rendita i vedovi di figli maggiorenni?

Sì, come ha stabilito la Corte europea dei diritti dell’uomo nella sua sentenza del 20 ottobre 2020.

Un vedovo si è occupato a tempo pieno dei suoi due figli per ben 16 anni e ha ricevuto una rendita vedovile. Quando la figlia più giovane ha raggiunto la maggiore età, la base giuridica della rendita è venuta meno e la Cassa di compensazione del Cantone di Appenzello Esterno ha cessato di pagare. Il vedovo ha presentato ricorso contro la decisione, sostenendo che l'articolo applicato della Legge federale sull'assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti violava il principio costituzionale dell‘uguaglianza. L'Ufficio di compensazione ha respinto il ricorso, così come il Tribunale cantonale e il Tribunale federale. Il Tribunale federale ha riconosciuto il carattere discriminatorio della disposizione di legge. Tuttavia, ha sottolineato che il legislatore ne è consapevole e che non esiste una Corte costituzionale in Svizzera. Un tribunale deve quindi, in linea di principio, applicare la legge anche se è contraria alla Costituzione. Il vedovo ha poi deferito il caso alla Corte europea dei diritti dell'uomo, poiché la decisione violava la Convenzione europea dei diritti dell'uomo (CEDU), in particolare il divieto di discriminazione. La Corte europea dei diritti dell'uomo ha accolto il ricorso.

Solo motivi importanti giustificherebbero una discriminazione

La Corte europea dei diritti dell'uomo ricorda che una discriminazione può avvenire solo per fondati motivi. Un riferimento alle tradizioni o ad atteggiamenti generali non è sufficiente a legittimare la discriminazione. Il Consiglio federale non poteva quindi giustificare una discriminazione nei confronti dei vedovi sulla base del fatto che la legge presuppone che l'uomo sia l'erogatore e che la rendita per vedove sia destinata ad eliminare la disuguaglianza che ne deriva.

La Corte europea dei diritti dell'uomo afferma piuttosto che il vedovo non riceve più la pensione solo perché è un uomo. Per la Corte, non c'è motivo di credere che dovrebbe essere più facile per l'allora quasi sessantenne tornare al lavoro che per una donna nella stessa situazione. Analogamente, la Corte europea dei diritti dell'uomo non vede perché la cessazione della pensione dovrebbe riguardare un vedovo in misura minore di una vedova.

La Corte europea dei diritti dell'uomo ha pertanto accolto il reclamo del vedovo.

Un vedovo può chiedere un risarcimento

La Corte europea dei diritti dell'uomo ha accolto la denuncia, ma ha rinviato il vedovo al Tribunale federale per ottenere un risarcimento finanziario per la perdita delle prestazioni pensionistiche. Il vedovo può impugnare la decisione del Tribunale federale e, in questo contesto, chiedere un risarcimento. Tuttavia, la Svizzera sta ancora valutando se deferire la sentenza alla Grande Camera della Corte europea dei diritti dell'uomo.