Famiglia

Il conguaglio della previdenza professionale è obbligatorio in caso di divorzio?

No. Se un coniuge ha approfittato finanziariamente dell'altro durante il matrimonio, il conguaglio della previdenza professionale può essere iniquo. Così ha confermato il Tribunale federale nella sua sentenza del 12 febbraio 2021.

Di regola in caso di divorzio il Tribunale, nell'ambito del conguaglio della previdenza professionale, divide a metà la prestazione d'uscita acquisita durante il matrimonio. Può discostarsi da questa regola se una divisione a metà sarebbe iniqua. Contrariamente al vecchio diritto, secondo la giurisprudenza del Tribunale federale qui giocano un ruolo non solo le ragioni economiche. Il Tribunale può adattare o rifiutare completamente il conguaglio della previdenza professionale se uno dei partner si è comportato in modo gravemente urtante durante il matrimonio. In tal caso è possibile che questo partner perda la sua sicurezza finanziaria.

Annullamento del conguaglio della previdenza professionale in caso di comportamento gravemente urtante

I coniugi B. e A. sono stati sposati per 21 anni. Nel mentre il marito ha speso una parte significativa dell'eredità anticipata della moglie a sua insaputa. Non è stato in grado di dimostrare che aveva usato il denaro per la famiglia e ha "creato un debito significativo per la famiglia". Allo stesso tempo, il marito non lavorava né si occupava della casa durante il matrimonio.

Il marito ha sostenuto che la moglie stessa era responsabile della sua situazione: erano sposati da 21 anni e lei avrebbe dovuto essere consapevole della situazione finanziaria della famiglia a causa della sua posizione professionale. Il Tribunale federale ha respinto questo argomento, ritenendo che il marito avesse "deliberatamente e sistematicamente escluso" la moglie dagli affari finanziari della famiglia.

Il Tribunale federale ha quindi ordinato al marito di versare un risarcimento di circa 100'000 franchi. Ha inoltre negato il suo diritto al conguaglio della previdenza professionale, anche se il marito ha così perso la sua sicurezza finanziaria.

Il Tribunale federale ha respinto il ricorso e ha obbligato il ricorrente a pagare le spese processuali per un importo di 2'000 franchi.