Autorità

Una studentessa dell'ETH di lingua madre italiana può utilizzare un dizionario?

Sì, come ha deciso il Tribunale federale il 27 luglio 2020.

Dopo aver fallito per la seconda volta un esame in chimica e fisica, il Politecnico di Zurigo ha escluso una studentessa di lingua italiana dal corso di laurea. Poiché la studentessa non ha potuto utilizzare un dizionario italiano durante l'esame, ha presentato una denuncia alla Commissione di ricorso dell’ETH. Mentre la Commissione di ricorso ha accolto il ricorso, il Tribunale amministrativo federale ha appoggiato la decisione dell’ETH. Il Tribunale federale, a sua volta, ha confermato la decisione della Commissione di ricorso, vale a dire che la studentessa deve essere ammessa nuovamente all'esame.

Il dizionario contribuisce alle pari opportunità

Il principio costituzionale dell'uguaglianza di trattamento afferma che le disuguaglianze devono essere prese in considerazione. L’ETH deve dare a tutti i candidati la possibilità di "fornire una prestazione corrispondente alle loro effettive capacità". L’ETH deve rispettare i diritti fondamentali e deve contribuire ad attuarli. Poiché lo scopo dell'esame non era quello di verificare le competenze in tedesco, l’ETH deve consentire l'uso di un dizionario. Ciò vale per di più nel caso di studentessa di lingua madre italiana, poiché in Svizzera il numero di corsi disponibili per lei è limitato e la Costituzione attribuisce "grande importanza alle quattro lingue nazionali".

Poiché la studentessa avrebbe potuto superare l'esame se avesse avuto il diritto di utilizzare il dizionario, il Tribunale federale conferma la decisione della Commissione di ricorso e la studentessa deve essere nuovamente ammessa all'esame.