Lavorare

Cosa succede all’assistente privato se mia moglie muore?

Questo dipende in particolare da chi ha assunto l’assistente privato.

Se il rapporto di lavoro esiste tra lei o sua moglie e l’assistente privato, il rapporto di lavoro di principio terminerà con la morte di sua moglie.

Tuttavia se l'assistente privato è impiegato presso un'agenzia di collocamento, la morte della persona bisognosa di cure non cambia nulla nel rapporto di lavoro. Tuttavia il rapporto di mandato tra voi e l'agenzia terminerà di solito con la morte della persona bisognosa di cure. Tra l'altro di principio non è consentito che lei impieghi l'assistente privato direttamente tramite mandato, perché questo eluderebbe le disposizioni di diritto del lavoro.

Impiego nell’economia domestica privata

Poiché di regola un contratto di assistenza è "stipulato essenzialmente in riguardo alla persona del datore di lavoro", esso di principio decade con la morte del datore di lavoro. Tuttavia il dipendente può chiedere "un ragionevole risarcimento per il danno subito a causa della fine prematura del rapporto di lavoro". Questo risarcimento di regola corrisponde allo stipendio fino alla scadenza del regolare periodo di preavviso dalla morte di sua moglie. Da parte sua l'assistente privato deve offrire la sua prestazione lavorativa per questo periodo. Il salario è dovuto dalla datrice di lavoro o dai suoi eredi. La pretesa per il salario si prescrive dopo cinque anni. Se non ha pagato il salario, il termine inizia a decorrere dal momento in cui avreste dovuto pagarlo.

Tuttavia il contratto di lavoro può anche stabilire che il rapporto di lavoro continui oltre la morte della persona bisognosa di cure. In questo caso lei può mettere fine al rapporto di lavoro solo rispettando i termini di preavviso.

Impiego tramite un'agenzia di collocamento

Se l'assistente privato è impiegato tramite un'agenzia di collocamento, la morte della persona bisognosa di cure non cambia il rapporto di lavoro: l'agenzia di collocamento è la datrice di lavoro, non lei o sua moglie. In questo caso si applica il contratto collettivo di lavoro per la locazione di personale, e l'agenzia di collocamento deve rispettare i relativi termini di preavviso. Secondo questo contratto, il periodo di preavviso è di due giorni lavorativi durante i primi tre mesi, di sette giorni dal quarto al sesto mese e di un mese dal settimo mese.

Attenzione: Per poter collocare legalmente del personale, l'agenzia di collocamento deve, tra l'altro, avere la sua sede in Svizzera.