Lavorare

La datrice di lavoro richiede una visita medica presso un medico di fiducia: chi paga?

La sua datrice di lavoro o, se del caso, la sua assicurazione d'indennità giornaliera.

In particolare se la sua datrice di lavoro ha ragionevoli dubbi sul certificato medico da lei presentato, può - in ogni caso se così previsto dal regolamento del personale o dal contratto di lavoro - ordinare una visita medica da parte di un medico di fiducia. In ragione dell'obbligo di fedeltà previsto dal diritto del lavoro di regola lei deve accettare questo chiarimento. Al contrario questa ingerenza nella sua personalità non è consentita dal diritto del lavoro se non vi sono dubbi oggettivi sull'esattezza del certificato del suo medico privato o se non vi sono altre ragioni per cui il datore di lavoro possa dubitare della sua incapacità lavorativa.

Costi della visita medica fiduciaria

Se la datrice di lavoro ordina una visita da parte di un medico di fiducia deve occuparsi anche della fattura. O paga lei stessa i costi. Oppure, se esiste un'assicurazione di indennità giornaliera, si organizza con l'assicurazione. Se necessario l'assicurazione designa un medico di fiducia secondo la Legge federale sull'assicurazione malattie (LAMal) o la Legge federale sul contratto d'assicurazione, che verifica le condizioni dell'obbligo di prestazione dell'assicurazione.

Anche il medico di fiducia è vincolato al segreto professionale

Anche se la datrice di lavoro deve pagare per la visita medica fiduciaria, non ha diritto ai risultati dettagliati. Il suo diritto all'informazione concerne solo fatti riguardanti l'idoneità del dipendente al rapporto di lavoro. Il medico fiduciario della datrice di lavoro può fornire informazioni più dettagliate alla datrice di lavoro solo se lei, in quanto dipendente, ha liberato il medico fiduciario dall'obbligo del segreto professionale. Se il medico di fiducia trasmette le informazioni senza questo consenso, è perseguibile penalmente, come afferma anche il Tribunale federale: "Il dipendente che viene sottoposto a una visita medica da parte di un medico di fiducia può confidare nel fatto che queste informazioni non vengano senz'altro trasmesse al datore di lavoro".