Abitare

La nostra abitazione diventa automaticamente abitazione familiare dopo il matrimonio?

Non per forza. Un’abitazione comune può anche essere semplicemente l’abitazione di uno dei coniugi. Il tribunale federale definisce l’abitazione familiare quale abitazione nella quale si trova il comune centro della vita di una coppia sposata.

Se l’abitazione comune adempie i presupposti fissati dal tribunale federale, essa diventa con il matrimonio l’abitazione familiare con le relative conseguenze nel diritto della locazione.

Disdetta più difficile per l'abitazione familiare

Un coniuge può così disdire il contratto di locazione soltanto con il consenso espresso dell’altro, così come la locatrice deve notificare separatamente a entrambi i coniugi la disdetta e l’imposizione di un termine di pagamento con comminatoria di disdetta.

Stesse regole per l'unione domestica registrata

Tutte queste regole valgono anche nel caso di unione domestica registrata, in particolare la locatrice deve notificare a entrambi i coniugi la disdetta e l’imposizione di un termine di pagamento con comminatoria di disdetta.

Informare la locatrice in merito ai cambiamenti

Sulla base di queste particolarità è consigliabile, e di regola viene preteso dalla locatrice, comunicare il matrimonio e l’unione domestica registrata alla locatrice.

(Vedi Cosa intraprendere dopo il matrimonio)