Abitare

L'appartamento in concubinato vale come abitazione familiare?

No. Le disposizioni di tutela in materia di diritto di locazione che si applicano all'abitazione familiare sono legate al matrimonio o all'unione domestica registrata.

Chi vive in concubinato non beneficia delle disposizioni legali di protezione, che rendono difficile la disdetta o la vendita dell'abitazione familiare per i coniugi o le persone in unione domestica registrata.

Conduttore principale e sublocatore

Se solo il partner convivente ha firmato il contratto di locazione, egli è il conduttore principale ed è l'unico responsabile nei confronti della locatrice per le pigioni, le spese accessorie e gli eventuali danni. Il conduttore principale può stipulare un contratto di sublocazione con la partner convivente.

Il conduttore principale deve informare la locatrice della sublocazione e delle sue condizioni. La locatrice non può vietare alla sua partner convivente di trasferirsi, tranne nel caso in cui ne derivi un pregiudizio, in particolare a causa del sovraffollamento.

Locazione solidale

In caso di locazione solidale, entrambi firmate il contratto di locazione e siete responsabili in solido nei confronti della locatrice per le pigioni, le spese accessorie e gli eventuali danni. Ciò vale fino alla cessazione del rapporto di locazione: se uno dei due concubini si trasferisce, è comunque responsabile in solido.

La locazione solidale non significa solo responsabilità solidale, ma anche una garanzia: se entrambi avete firmato il contratto, potete disdire il contratto di locazione solo insieme, così come la vostra locatrice deve notificare la disdetta ad entrambi, ma non necessariamente separatamente. Tuttavia lei può regolare questo punto in modo diverso nel contratto di locazione e, ad esempio, integrare una clausola di risoluzione parziale. Se uno dei due concubini vuole rimanere da solo nell'appartamento, la locatrice deve accettare il trasferimento del contratto di locazione a questi. Con un nuovo contratto di locazione la locatrice ha il diritto di fissare una nuova pigione iniziale.