Famiglia

7 Risposte al nuovo congedo di assistenza

1. Ho diritto a giorni di ferie per assistere un parente?

Sì. Lei "ha diritto a un congedo pagato per il tempo necessario all’assistenza a un familiare o al partner con problemi di salute; il congedo ammonta tuttavia al massimo a tre giorni per evento e dieci giorni all’anno". La limitazione di dieci giorni non si applica nel caso delle cure prestate ai figli.

2. Il mio datore di lavoro può richiedermi un certificato medico per i giorni di congedo per assistenza?

Sì. Il suo datore di lavoro deve concedere i giorni di congedo su presentazione di un certificato medico.

3. È concesso un congedo per la cura dei bambini che hanno avuto un incidente o che sono malati?

Sì, ma questa modifica del Codice delle obbligazioni non entrerà in vigore fino al 1° luglio 2021. Da quel momento in poi, si applicherà quanto segue: se suo figlio è affetto da una grave malattia, lei avrà diritto a un congedo per la cura dei figli per un massimo di 14 settimane. Se entrambi i genitori sono impiegati, avrete diritto alle 14 settimane insieme, e sarete liberi di scegliere come dividere il congedo. Il congedo deve essere preso entro un periodo complessivo di 18 mesi. Il periodo quadro inizia il giorno in cui si riceve la prima indennità giornaliera.

4. Chi paga lo stipendio durante il congedo per la cura dei figli?

Se lei è un dipendente o un lavoratore autonomo, durante il congedo per la cura dei figli riceverà un'indennità giornaliera in base all‘Ordinanza sulle indennità di perdita di guadagno (OIPG). L'indennità giornaliera ammonta all'80 per cento del reddito medio che avete guadagnato durante l'attività lucrativa prima dell'inizio del vostro diritto all'indennità.

Se entrambi i genitori sono impiegati, ogni genitore ha diritto ad un massimo della metà dell'indennità giornaliera. Potete scegliere una divisione diversa.

Il diritto all'indennità giornaliera scade cinque anni dopo l'ultimo giorno di congedo per la cura dei figli.

5. Il mio datore di lavoro può ridurre il mio diritto alle ferie perché ho preso un congedo per la cura dei figli?

Come per il congedo di maternità o paternità, il suo datore di lavoro non può ridurre il suo diritto alle ferie se lei ha preso un congedo per la cura dei bambini.

6. Il datore di lavoro può rifiutare il congedo per la cura dei figli?

No. Il suo datore di lavoro non può rifiutarsi di concederle il congedo legale per la cura dei figli o fare accordi contrattuali che siano meno favorevoli per lei. Tuttavia, soprattutto per quanto riguarda il congedo di assistenza (più lungo) per i figli malati o infortunati, deve informare immediatamente il suo datore di lavoro sulle modalità di congedo e su qualsiasi cambiamento.

7. Sono protetto dal licenziamento mentre sono in congedo per l‘assistenza dei bambini?

Sì, finché si ha diritto al congedo per l‘assistenza dei figli, si è protetti dal licenziamento. Questa protezione contro il licenziamento scade al più tardi sei mesi dopo l'inizio del periodo quadro.