Consumo & Internet

7 risposte in merito alle norme sulla pubblicità e sul roaming in vigore dal 1° gennaio 2021

1. Sono ancora permesse le chiamate pubblicitarie con numeri soppressi o nascosti?

No. Secondo la legge federale contro la concorrenza sleale, chi "fa telefonate pubblicitarie senza visualizzare un numero di telefono che viene inserito nell'elenco telefonico e che ha il diritto di utilizzare" agisce ora in modo sleale.

Se tuttavia lei riceve una chiamata pubblicitaria indesiderata, può segnalarlo al suo fornitore di servizi di telecomunicazione. Esso deve gestire un ufficio di segnalazione per la pubblicità sleale. Se la chiamata è in realtà un cosiddetto "spoofing", il fornitore di servizi di telecomunicazione deve impedire che i relativi collegamenti vengano attivati.

Chiunque violi intenzionalmente il divieto di spoofing è passibile di una pena detentiva fino a tre anni o con una pena pecuniaria.

2. Non sono in nessun elenco telefonico. Questo mi protegge dalle chiamate pubblicitarie?

Sì, ora lei è protetto dalle chiamate pubblicitarie non richieste, non solo se ha un'iscrizione nell'elenco con l'annotazione ("asterisco") che non desidera pubblicità. Lei è anche esplicitamente protetto se non ha un'iscrizione nell'elenco. Ha il diritto legale di scegliere di non avere un'iscrizione. Sono escluse dal divieto di chiamata le aziende con cui si ha un rapporto d'affari.

Se tuttavia riceve una chiamata pubblicitaria indesiderata, può segnalarlo al suo fornitore di servizi di telecomunicazione. Questo fornitore deve gestire un ufficio di segnalazione per la pubblicità sleale. Se si tratta effettivamente di una chiamata pubblicitaria sleale, il fornitore di servizi di telecomunicazione deve impedire l'attivazione dei relativi collegamenti.

Chiunque violi intenzionalmente il divieto di telefonate pubblicitarie non richieste è passibile di una pena detentiva fino a tre anni o una pena pecuniaria.

3. Posso filtrare le chiamate pubblicitarie non richieste?

Sì, i fornitori di servizi di telecomunicazione devono ora darvi la possibilità di attivare e disattivare un filtro contro le chiamate pubblicitarie indesiderate in qualsiasi momento e gratuitamente. Il vostro fornitore di servizi di telecomunicazione deve informarvi sui vantaggi e gli svantaggi del filtro al momento della firma del contratto e una volta all'anno.

4. In che modo il mio operatore di telefonia mobile dove informarmi sulle tariffe di roaming?

La revisione della legge sulle telecomunicazioni conferisce al Consiglio federale il potere di regolamentare le modalità di fatturazione delle tariffe di roaming.

Alla conclusione di un contratto, quando attivate o riattivate i servizi di roaming e almeno una volta all'anno, il suo operatore di telefonia mobile deve informarla per iscritto e in modo facilmente comprensibile sulle disposizioni applicabili in materia di roaming. In particolare in merito a,

  • come e dove è possibile controllare le tariffe applicabili;
  • come disattivare e riattivare le informazioni in caso di passaggio a una rete mobile estera e se le avete attualmente disattivate.

Al passaggio ad una rete mobile estera, il suo operatore di telefonia mobile deve fornirvi "informazioni immediate, gratuite e di facile comprensione sulle tariffe massime per i seguenti servizi di roaming internazionale:

  • chiamate verso la Svizzera;
  • chiamate in arrivo;
  • chiamate in loco;
  • invio di SMS;
  • Trasmissione di dati, incluso l'invio di MMS".
5. Sarò protetto in futuro dalle elevate bollette del roaming?

No, ma il Consiglio federale ha inserito nell'ordinanza sui servizi di telecomunicazione diversi freni ai costi. Questi si riferiscono in primo luogo all'uso:

  • Il vostro operatore di telefonia mobile può consentire l'utilizzo dei servizi di roaming solo dopo aver fissato un limite di costo. Questo limite di costo deve poter essere adeguato in qualsiasi momento successivo;
  • L'utente deve poter disattivare e riattivare l'accesso ai servizi di roaming in modo semplice e gratuito in qualsiasi momento;
  • Il vostro operatore di telefonia mobile disattiva di default i servizi di roaming in aereo, sulle navi e via satellite.

Ci sono anche nuovi requisiti in materia di fatturazione. Mentre finora alcuni fornitori hanno fatturato i costi al minuto e al megabyte, ora la fatturazione deve essere al secondo e al kilobyte. Inoltre, l'operatore di telefonia mobile può arrotondare l'importo finale al centesimo più vicino. In caso di SMS o MMS, l'operatore di rete mobile può fatturare per messaggio.

Inoltre, è necessario avere la possibilità di acquistare servizi di roaming internazionale a tariffe ridotte o a pacchetto. Siete liberi di stabilire la data di inizio dell'opzione, che deve essere valida per almeno 12 mesi. Infine, dovete essere in grado di ottenere l'opzione gratuita e indipendente dall'apparecchio via internet sia in patria che all'estero.

6. Il mio fornitore deve darmi informazioni accurate sulla velocità di navigazione?

Sì, a condizione che abbia almeno 300.000 clienti.

In tal caso, deve almeno "misurare e pubblicare la velocità di trasmissione dati effettiva raggiunta, il ritardo e, nel caso di collegamenti mobili, la potenza del segnale" e "misurare e pubblicare la velocità di trasmissione dati concordata contrattualmente, le fluttuazioni del ritardo e la perdita di pacchetti di dati durante il trasporto".

Affinché possiate scegliere, se necessario, un altro fornitore, queste informazioni sulla qualità "devono permettere di effettuare confronti tra le offerte dei diversi fornitori". Deve essere pubblicato anche sotto forma di carte geografiche".

7. A chi posso rivolgermi se ho domande sulla protezione dei bambini in Internet?

Il vostro fornitore deve informarvi "sulle possibilità di proteggere i bambini e i giovani su Internet".

Le informazioni generali non sono sufficienti in questo caso, ma devono informare "individualmente quando si applicano opzioni di protezione concrete". Nel rapporto esplicativo sulla revisione dell'ordinanza sui servizi di telecomunicazione si legge qui in dettaglio: "Qui non si tratta solo delle possibilità di filtraggio, ma anche dei conti utente, della protezione della password, degli App Stores, delle fonti di raccomandazione per l'età, delle impostazioni del browser, dei conti familiari e di altri aspetti rilevanti per la protezione dei bambini e dei giovani in Internet. »