Lavorare

La mia datrice di lavoro può licenziarmi dopo il congedo maternità?

Sì, può farlo. Ma se l’ha licenziata a causa della maternità, la disdetta è discriminatoria e ci sono buone possibilità di ricevere un risarcimento.

In Svizzera esiste un'ampia libertà di licenziamento. La datrice di lavoro può porre fine al rapporto di lavoro 16 settimane dopo la nascita (cfr. Disdetta -Termini & formalità). Tuttavia, la Legge federale sulla parità dei sessi stabilisce che i dipendenti "non possono essere svantaggiati direttamente o indirettamente a causa del loro sesso". In particolare, una gravidanza non può portare a discriminazioni, quindi la vostra datrice di lavoro per legge non può licenziarvi a causa della vostra maternità. Se si sospetta un licenziamento così discriminatorio, si deve presentare un'opposizione scritta contro il licenziamento al più tardi alla fine del termine di disdetta.

Alleviamento dell’onere della prova

Se non riuscite a raggiungere un accordo con la vostra datrice di lavoro, sarà sufficiente, nel procedimento successivo, che possiate provare un licenziamento discriminatorio: la vostra datrice di lavoro deve poi convincere l'organo di conciliazione o il tribunale che vi sono seri dubbi sulla vostra posizione lavorativa. Ad esempio, deve essere in grado di dimostrare che le vostre prestazioni sono insufficienti o che ha rescisso il vostro contratto per altri motivi oggettivi, come la ristrutturazione.

Risarcimento

Se la datrice di lavoro non è in grado di fornire questa prova contraria, il licenziamento discriminatorio sarà considerato provato e, se siete impiegate ai sensi del Codice delle obbligazioni, avrete diritto a un'indennità fino a un massimo di sei mesi di salario.

Nel caso di rapporti di lavoro di diritto pubblico, la legge sul personale federale, ad esempio, prevede la prosecuzione del rapporto di lavoro o il pagamento di un'indennità di almeno sei stipendi mensili e massimo pari ad uno stipendio annuo se il ricorso contro un licenziamento discriminatorio è stato accolto.