Autorità

Un poliziotto può pretendere che io restituisca un pallone da calcio che non mi appartiene?

Un agente di polizia può chiedervi di consegnare un pallone da calcio che non vi appartiene. Può anche sottolineare che il mancato rispetto delle istruzioni delle autorità è punibile. Questo è stato deciso dal Tribunale federale nella sentenza del 14 luglio 2022.

La richiesta di restituzione di un bene altrui può essere utile alla sicurezza pubblica. Un agente di polizia può quindi chiedere al proprietario di un giardino nel quale era finito un pallone di restituirlo. L'inosservanza di un ordine delle autorità è punibile, e l'agente di polizia ha il diritto di sottolinearlo. In questo modo, un agente di polizia non abusa della sua autorità e non esercita alcuna coazione. (Vedi anche: «Possono i frequentatori del Festival parcheggiare sul marciapiede?»).

Il poliziotto chiede la restituzione del pallone da calcio

Dopo che un pallone da calcio è stato tirato nel suo giardino dal parco giochi, l'agente di polizia chiede al proprietario del giardino di restituirlo ai giocatori. Se non lo fa, sarà colpevole di violazione di un ordine di polizia. Il proprietario ha quindi presentato una denuncia contro l'agente di polizia per coazione e abuso di autorità. Il Tribunale cantonale non concede l'autorizzazione a procedere. Il proprietario ha fatto ricorso di diritto pubblico al Tribunale federale, ma non ha avuto successo.

Un procedimento per abuso di autorità è possibile sono in presenza di indizi di un comportamento illecito

Secondo la giurisprudenza costante del Tribunale federale, il reato di abuso di autorità tutela sia lo Stato che il cittadino interessato. Il proprietario ha quindi un interesse protetto in un eventuale procedimento penale. Tuttavia, al fine di garantire il corretto funzionamento delle autorità esecutive e giudiziarie, il Cantone di Zurigo subordina l'azione penale nei confronti dei membri delle autorità a un'autorizzazione. Affinché il tribunale superiore possa autorizzare le autorità giudiziarie, secondo il Tribunale federale è necessario disporre di un minimo di prove di un comportamento penalmente rilevante.

Nel caso di una denuncia per abuso di autorità, deve essere dimostrato che l'agente di polizia, con la sua azione, abbia deliberatamente inteso ottenere un vantaggio illegale, causare un danno ad altri o esercitare una coercizione illegale.

Il poliziotto è autorizzato a chiedere la restituzione del pallone

L'agente di polizia ha chiesto al proprietario di prendere il pallone che non gli appartiene dal suo giardino e di restituirlo. Secondo il Tribunale federale, l'ordine di restituire il pallone da calcio può essere compreso appieno, come lo ha ritenuto anche l’istanza inferiore, nel senso che aveva lo scopo di ripristinare la sicurezza pubblica e rientrava quindi nei doveri del poliziotto.

Non c'è stata quindi alcuna coercizione illegale nell'invito alla riconsegna. Infine, l'agente di polizia non aveva intenzione di ottenere un vantaggio illecito o di pregiudicare il richiedente.

Nessuna coazione ai sensi della legge

Commette coazione chi, con la violenza o la minaccia di gravi danni o con qualsiasi altra limitazione della libertà di azione, costringe qualcuno a fare, non fare o tollerare qualcosa. Il Tribunale federale osserva che l'agente di polizia può fare riferimento alla disposizione di legge secondo cui l'inosservanza di un ordine di polizia è punibile. L'avviso comporta un certo grado di coercizione per il proprietario del giardino. Tuttavia, ciò è giustificato dal fatto che l'agente di polizia ha svolto correttamente il suo compito. Di conseguenza, non sono presenti nemmeno gli elementi della coazione. (Vedi anche: «Posso dare pubblicamente una recensione negativa ad uno studio legale?»).

Il Tribunale federale respinge il ricorso e obbliga il ricorrente a pagare le spese giudiziarie di 2.000 franchi.