Lavorare

Convivo senza avere un’attività lucrativa: devo pagare i contributi AVS?

Sì. A differenza di quanto avviene in caso di matrimonio, una persona che vive in una coppia di conviventi deve versare l'AVS anche se non svolge un'attività lavorativa. Dopo il raggiungimento dell'età pensionabile, le rendite individuali di una coppia di conviventi sono generalmente più elevate di quelle di una coppia sposata. D'altra parte, un partner convivente non è coperto dall'AVS dopo la separazione o dopo il decesso del partner.

Chi non esercita un'attività lucrativa e non è sposato è tenuto a versare i contributi AVS. Dal 1° gennaio 1997 non esistono più le rendite di coppia, ma le rendite individuali in caso di convivenza sono più alte di quelle versate in caso di matrimonio. Dopo la separazione o il decesso, tuttavia, non sorgono diritti reciproci per i partner conviventi nell'ambito dell'AVS.

Evitare lacune nei contributi

Per le persone che non esercitano un'attività lavorativa, l'obbligo di versare i contributi inizia il 1° gennaio successivo al compimento del 20° anno di età e attualmente dura fino alla fine del mese in cui le donne compiono 64 anni e gli uomini 65 anni. Con la riforma dell'AVS 21, che dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio 2024, l'obbligo di versare i contributi durerà anche fino alla fine del mese in cui le donne compiono 65 anni.

Per evitare lacune contributive e quindi successive riduzioni della rendita, una persona che non esercita un'attività lucrativa e che è tenuta a versare i contributi deve versare il contributo minimo di 514 franchi all'anno per l'AVS/AI/IPG a partire dal 1° gennaio 2023. È possibile versare un massimo di 50 volte il contributo minimo. (Vedi anche: «Ho diritto ad un salario se mi occupo della gestione della casa durante la convivenza?»)

Pensioni più elevate in caso di convivenza

La 10a revisione dell'AVS ha abolito le rendite per coppie sposate e ha introdotto il sistema dello spitting, in modo che ogni coniuge riceva la propria rendita una volta raggiunta l'età pensionabile.

Tuttavia, se non ci sono lacune contributive, le rendite individuali dei conviventi sono comunque più alte di quelle dei partner sposati o registrati: mentre queste ultime possono ammontare a un massimo di 3.675 franchi insieme dal 1° gennaio 2023, l'aliquota massima per le due rendite individuali dei conviventi è di 4.900 franchi. Occorre dunque riflettere accuratamente anche in termini finanziari, in caso di coppie conviventi che desiderano sposarsi in età pensionabile.

Non ci sono rendite per vedovi in caso di convivenza

Se una coppia convivente si separa, non ha diritto alla divisione degli averi AVS: L'importo della futura rendita AVS si basa esclusivamente sui contributi versati individualmente.

Se siete sposati o in unione domestica registrata, avete diritto alle prestazioni del primo pilastro dopo il decesso del vostro partner. La situazione è diversa per i conviventi: il convivente superstite non ha diritto a una rendita di vedovanza.

Aggiornato il 15 dicembre 2022