Abitare

Giocare a calcio in giardino è motivo di licenziamento?

Di regola la locatrice non è autorizzata a dare disdetta a causa di una rumorosa partita di calcio che coinvolge i suoi figli. Tuttavia lei e i suoi figli dovete avere riguardo per i vostri vicini. In particolare lei deve rispettare gli orari di riposo. Se lo fate, una disdetta a causa dei suoi figli vivaci è abusiva.

Secondo la giurisprudenza consolidata del Tribunale federale, le zone residenziali sono ovviamente destinate anche alla residenza dei bambini. I bambini possono quindi giocare a calcio all'aperto in un'area residenziale e fare rumore, a condizione che rispettino gli orari di riposo a mezzogiorno e alla sera. Se tuttavia la locatrice pone fine al contratto di locazione in riferimento al rumore dei bambini, la disdetta è abusiva.

Il rumore dei bambini è consentito

I bambini sono autorizzati a fare rumore anche in una zona residenziale. La locatrice non può disciplinare diversamente questo aspetto nel regolamento della casa. Se il regolamento della casa prevede che i bambini si astengano dal fare rumore, potete tranquillamente dimenticarvene.

Osservare il riposo di mezzogiorno e sera

Tuttavia, così come i suoi vicini devono tollerare i suoi figli, lei deve avere riguardo verso gli altri inquilini e i suoi vicini. Un articolo di legge che definisca con precisione questo dovere di riguardo lo cerchereste invano. Il regolamento di polizia locale di solito fornisce un primo punto di riferimento su quando sarebbe meglio per i bambini non organizzare un torneo di calcio in giardino: di norma la quiete notturna è prevista a partire dalle 22. Se, ad esempio, vostra figlia gioca a calcio prima delle 22, ma solo per poche ore alla volta e non usa le pareti di casa come porta, gli altri dovranno probabilmente tollerarlo. Oltre al riposo serale, si deve osservare anche il riposo di mezzogiorno, tra le 12 e le 13.

Disdetta da contestare entro il termine

Se la locatrice pone fine al suo contratto di locazione in con riferimento al rumore dei bambini, lei può procedere giudizialmente contro la disdetta. Dalla ricezione della disdetta lei deve contestarla presso l'autorità di conciliazione entro 30 giorni. Se lei ha rispettato le regole sul reciproco riguardo, la sua locatrice non potrà ottenere ragione né davanti alla autorità di conciliazione né davanti al tribunale. Questo proprio perché le aree residenziali sono anche per i bambini.

Aggiornato il 28 luglio 2022