Lavorare

Il capo può controllare i miei post privati sui social media?

Durante l'orario di lavoro il suo capo può monitorare le sue attività sui social media a determinate condizioni, mentre nel suo tempo libero generalmente non può.

Come dipendente, lei è obbligato a lavorare durante l'orario di lavoro. Se durante l'orario di lavoro si effettuano dei post come privati, ciò è consentito solo in casi eccezionali e in misura limitata. Un divieto totale di solito viola i suoi diritti personali. In linea di principio, il suo capo non può controllare sistematicamente la sua condotta sul posto di lavoro. Se il suo capo deve imporre ulteriori restrizioni a causa della Compliance esterna o delle norme di sicurezza, queste si dovranno applicare nella fattispecie.

Scrivere post con il computer aziendale o con il telefonino aziendale

La sua datrice di lavoro può determinare in un regolamento d'uso se e come è consentito l'uso privato di un computer aziendale o di un telefono cellulare aziendale. Tuttavia, un regolamento d'uso da solo non autorizza il suo capo a registrare e controllare il suo comportamento personale di navigazione. Egli deve prima informarvi sulle norme d'uso e sul loro contenuto. In linea di principio, può controllare solo se ha il giustificato sospetto che stiate abusando dell'infrastruttura aziendale per scopi privati. Questo è il caso, ad esempio, se il suo rendimento non è più soddisfacente e lei utilizza molto spesso i social media privatamente durante l'orario di lavoro.

Scrivere post con il telefonino privato

Inoltre, in casi eccezionali e in misura limitata, durante l'orario di lavoro, è possibile utilizzare i social media privatamente sul proprio telefono cellulare. La datrice di lavoro ha il diritto di darvi istruzioni e può anche richiedere di spegnere completamente il vostro cellulare privato durante l'orario di lavoro. D'altra parte, la datrice di lavoro non può vietare l'uso del vostro cellulare privato durante le pause; tuttavia, in casi eccezionali, ad esempio per motivi di sicurezza, è possibile anche un divieto totale.

Postare nel tempo libero

Quello che lei fa nel tempo libero fa parte della sua privacy e non è un'attività che riguarda il capo. Tuttavia, quando si effettuano post che riguardano il suo datore di lavoro o il suo capo, dovrebbe essere consapevole del fatto che difficilmente sono completamente privati.

Sta a lei stabilire di volta in volta quando i suoi interventi sui social media lasciano il quadro "privato". In ogni caso, i contributi in gruppi generalmente accessibili sono pubblici. Anche i contributi in gruppi chiusi ma con un gran numero di membri (cfr. lexNews) sono da considerarsi "pubblici".

La libertà costituzionale di espressione si applica anche ai social media. Il dovere di fiducia previsto dal diritto del lavoro, tuttavia, limita questo diritto. Se, ad esempio, si postano insulti grossolani o offensivi sul proprio capo o sulla propria datrice di lavoro sui social media, un tribunale potrebbe decidere che il licenziamento ricevuto per questo motivo è giustificato: in questo modo, viola il suo dovere di fiducia e possibilmente compromette la cooperazione all'interno dell'azienda.