Lavorare

La datrice di lavoro deve mettere a disposizione acqua potabile durante l‘estate?

Sì – e non solo in estate. La datrice di lavoro deve garantire in ogni momento che nei pressi del posto di lavoro ci sia a disposizione acqua potabile.

La datrice di lavoro è tenuta a prendere tutte le misure necessarie e adeguate per la protezione della salute del lavoratore. Tra queste appunto quella di fornire acqua potabile al lavoratore. La datrice di lavoro deve mettere a disposizione del lavoratore acqua potabile sul posto di lavoro gratuitamente.

L’acqua potabile deve essere facilmente raggiungibile

La Seco ha stabilito che un „punto di prelievo dell’acqua potabile“ o in altre parole un rubinetto per l’acqua potabile, debba essere raggiungibile entro circa 10 metri. Solo quando ciò non è possibile, per esempio nel caso di una situazione di lavoro all’aperto, la datrice di lavoro deve mettere a disposizione acqua in bottiglia.

L’acqua potabile deve essere salubre

L’acqua potabile deve rispondere alle norme di tutela della salute. Questo vale non solo per l’acqua ma anche per i bicchieri per bere; deve essere infatti data la disponibilità di poter lavare i bicchieri.