Lavorare

Posso stipulare un'ipoteca presso la mia datrice di lavoro?

Sì. Una datrice di lavoro può concedere ipoteche proprio come una cassa pensioni o una banca.

Un'ipoteca è un credito garantito da un pegno su di un immobile. In linea di principio chiunque può concedere un prestito di questo tipo.

Basi legali per la concessione di un'ipoteca

Il pegno immobiliare nasce con l'iscrizione nel registro fondiario, richiede per la sua validità l'atto pubblico notarile. Mentre l'importo effettivo del mutuo o l'importo massimo devono essere iscritti nel registro fondiario, ciò è possibile per l'importo degli interessi, ma non è obbligatorio. Lei è in gran parte libero di concordare l'importo degli interessi con la mutuante e anche di modificarlo. Vi sono tuttavia due limiti: in primo luogo, il tasso d'interesse non dev'essere abusivo e deve rientrare nell'ambito delle disposizioni cantonali. In secondo luogo, lei e la sua datrice di lavoro non potete aumentare successivamente il tasso d'interesse di oltre il 5%, se il suo immobile è gravato da pegni di altri creditori.

Come qualsiasi altro credito, lei deve rimborsare il mutuo, e come qualsiasi altra creditrice ipotecaria, la sua datrice di lavoro può procedere per vie esecutive in realizzazione del pegno se lei non paga le rate come concordato.

Ipoteca della datrice di lavoro: particolarità pratiche

Se un’ipoteca della sua datrice di lavoro non è giuridicamente diversa da un’ipoteca della sua banca, in pratica ci sono delle particolarità: la sua datrice di lavoro o anche la sua cassa pensioni possono concedervi tassi d'interesse più interessanti, vale a dire più bassi. Al contrario, tuttavia, è probabile che siano rigorosi nella valutazione della sua solvibilità e del valore della sua casa, motivo per cui di solito otterrete l'ipoteca solo se siete un "buon rischio" per la sua datrice di lavoro o per la sua cassa pensione.

Infine va notato che un'ipoteca di questo tipo la rende dipendenti dalla sua datrice di lavoro: se lei cambia lavoro, può forse mantenere l'ipoteca, ma perde le condizioni preferenziali. In questo caso dal momento in cui lascia l'azienda lei deve pagare tassi di interesse più elevati Spesso, però, ci si libera dell'ipoteca e si è costretti a restituirla. E anche per l'ipoteca della sua datrice di lavoro vale quanto segue: un credito garantito da un'ipoteca non è soggetto a prescrizione.