Famiglia

Covid-19: Il lavoro a orario ridotto modifica l'importo del contributo di manutenzione?

In linea di principio, no, a meno che non vi accordiate reciprocamente una riduzione o un aumento del contributo di mantenimento.

Se lei o il genitore tenuto al mantenimento subite una perdita di reddito, potete modificare di comune intesa un accordo di mantenimento extragiudiziale, sempre che l'autorità di protezione dei minori non l'abbia escluso. Lo stesso vale in linea di principio per gli accordi di mantenimento stabiliti in una sentenza di divorzio; potete anche modificarli di comune accordo con un semplice accordo scritto. L'autorità di protezione deve approvare questo accordo.

Tuttavia, se non riuscite a raggiungere un accordo, il contributo di mantenimento rimane lo stesso. In questo caso, lei o il genitore responsabile del mantenimento dovrete richiedere di modificare il contributo di mantenimento al tribunale. Nella giurisprudenza conosciuta fino ad oggi, i tribunali hanno stabilito che il genitore tenuto al pagamento degli alimenti deve prendere in considerazione tutte le misure attenuanti possibili. Così, oltre alle prestazioni effettivamente versate, come l'indennizzo per il lavoro a tempo ridotto, si deve tener conto anche di eventuali entrate o di possibili riduzioni di spese, come le riduzioni di affitto negoziabili.

Se il genitore tenuto al pagamento degli alimenti riduce l’importo di sua iniziativa, è meglio informarlo per lettera raccomandata che ciò non è corretto e fissare un termine per il trasferimento dell'importo mancante. Se non riceve l'importo entro questo periodo, contatti l'ufficio responsabile per il pagamento anticipato dell’importo per il mantenimento dei figli nel suo cantone.

Trova ulteriori informazioni sotto “COVID-19 FAQ”

(Stato: 17.2.2021)