Consumo & Internet

Posso difendermi dalle iscrizioni ingiustificate nel registro delle esecuzioni?

Solo in misura molto limitata, come il Tribunale federale ha chiarito nelle sentenze del 23 luglio 2021 e del 23 agosto 2021.

Dal 1° gennaio 2019, chiunque voglia che l'ufficio esecuzione non fornisca informazioni su un precetto esecutivo ingiustificato in sospeso può presentare una richiesta in tal senso. (Vedi anche: "Come posso difendermi da un recupero crediti ingiustificato?") Tuttavia, l'ufficio di esecuzione approva questa richiesta solo a condizioni molto restrittive. Per esempio, sia la domanda di apertura di un'azione legale da parte del creditore che il pagamento del debito da parte del debitore precludono il successo di una richiesta di non divulgazione.

L'iscrizione nel registro delle esecuzioni rimane visibile dopo la richiesta di apertura del procedimento giudiziario

Nel primo caso, il creditore ha presentato senza successo una domanda di apertura del procedimento giudiziario dopo l‘opposizione del presunto debitore. La successiva richiesta del debitore di non divulgare la riscossione del debito è stata tuttavia infruttuosa: secondo il Tribunale federale, se il creditore avesse avviato un procedimento per eliminare l‘opposizione, avrebbe così dimostrato la gravità della riscossione del debito e il diritto del debitore alla non divulgazione non esisterebbe più.

Dopo che la validità del precetto era scaduta, il debitore ha tentato di obbligare l'ufficio di esecuzione a non divulgare l'iscrizione del precetto. La Corte suprema federale ha respinto anche questo. In particolare, il debitore avrebbe potuto intentare un'azione per far sì che il tribunale annullasse il precetto e lo togliesse dal registro. Inoltre, il creditore non poteva più fare nulla ora che il precetto esecutivo era scaduto. Non era quindi più possibile distinguere se la riscossione del debito fosse giustificata o meno sulla base delle azioni del creditore. Pertanto, "il registro di esecuzione dovrebbe essere tenuto aperto come fonte di informazioni sulla solvibilità di una persona".

Il Tribunale federale ha respinto il ricorso e ha condannato il ricorrente a pagare le spese processuali di 500 franchi.

Dopo il pagamento dell'importo richiesto, l'iscrizione nel registro delle esecuzioni rimane visibile.

Nel secondo caso, il debitore si era finalmente accordato con il creditore sul rimborso a rate. Dopo aver pagato il debito, ha presentato senza successo una richiesta di non divulgazione dell’esecuzione. Come sottolinea il Tribunale federale, solo il ritiro dell’esecuzione fa scattare la cancellazione dell'iscrizione, ma non il semplice pagamento dell'importo dovuto. La possibilità di chiedere la non divulgazione dell'iscrizione, che esiste dal 2019, non cambia questo: "Il debitore non può beneficiare della nuova procedura se salda il credito dopo la notifica del precetto esecutivo", dice il Tribunale federale con riferimento alle delibere parlamentari.

Il Tribunale federale ha respinto il ricorso e ha condannato il ricorrente a pagare le spese processuali di 500 franchi.