Consumo & Internet

Threema è un fornitore di servizi di telecomunicazione?

No, come ha stabilito il Tribunale federale con sentenza del 29 aprile 2021.

Mentre i "fornitori di servizi di telecomunicazione" hanno obblighi di collaborazione completi, in particolare nei procedimenti penali, questi obblighi sono meno estesi per i "fornitori di servizi di comunicazione derivati". Il Tribunale federale, in risposta ad un ricorso del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), dopo un'interpretazione completa delle relative disposizioni della legge federale sulla sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (LSCPT), è giunto alla conclusione che Threema con la sua app, attraverso la quale gli utenti possono chattare e telefonare in modo anonimo, è un semplice "fornitore di servizi di comunicazione derivati".

Il "fornitore di servizi di telecomunicazione" è definito dalla legge

La LSCPT ha lo scopo, tra l’altro, di consentire l’indagine su reati penali con l'aiuto dei dati degli utenti dei fornitori nel settore del traffico postale e delle telecomunicazioni. I fornitori di servizi di telecomunicazione hanno obblighi di collaborazione estesi. È considerato un servizio di telecomunicazione la "trasmissione mediante telecomunicazione di informazioni per terzi". A sua volta è considerata una trasmissione mediante telecomunicazioni l‘emissione o la ricezione elettrica, magnetica, ottica o elettromagnetica di altro tipo, di informazioni su linea aerea o via radioonde.

Threema non offre l'accesso a Internet, né si assume la responsabilità nei confronti degli utenti per eventuali interruzioni nella trasmissione di informazioni via Internet. Come afferma il Tribunale federale, Threema si limita a "immettere segnali su Internet a beneficio degli utenti della sua app" e non trasmette quindi l'intera informazione dal mittente a una persona fisica o giuridica. Il Tribunale federale paragona Threema a una rete di comunicazione interna a un edificio, il che non fa del proprietario dell'edificio il fornitore di un servizio di telecomunicazione.

Allo stesso modo, il Consiglio federale e il Parlamento avevano dichiarato nella revisione totale della LSCPT che i fornitori di servizi di telecomunicazione permettono ai loro clienti di fare telefonate o di accedere a Internet, mentre i fornitori di servizi di comunicazione derivati non trasmettono o trasportano dati. In Parlamento, Threema era stato addirittura citato espressamente come esempio di "fornitore di servizi di comunicazione derivati".

Il Consiglio federale può estendere gli obblighi

Infine, il Tribunale federale ricorda che anche i fornitori di servizi di comunicazione derivati hanno l'obbligo di collaborare nei procedimenti penali. Nella misura in cui è necessario per l'intercettazione del traffico delle telecomunicazioni, il Consiglio federale ha il potere di imporre obblighi più ampi a questi fornitori.

Il Tribunale federale ha di conseguenza respinto il ricorso del DFGP. Il DFGP ha dovuto versare a Threema un'indennità per ripetibili di 3'000 franchi.