In viaggio

Chi risponde se causo un danno alla macchina dell'associazione?

Ciò dipende dalla sua colpa, ma anche dai suoi rapporti con l'associazione. Le conseguenze finanziarie sono di solito coperte in tutto o in parte da un'assicurazione.

Qui l'assicurazione centrale è l'assicurazione casco totale volontaria. Di solito si deve anche chiarire chi deve pagare la franchigia e l'eventuale perdita di bonus.

Responsabilità del dipendente

Se, come dipendente dell'associazione, lei ha cagionato intenzionalmente un danno al veicolo dell'associazione, lei è integralmente responsabile di questo danno secondo le norme del contratto di lavoro. Un'eventuale assicurazione casco della datrice di lavoro non coprirà i costi in caso di intenzionalità.

La situazione si presenta meglio per lei, se lei ha causato il danno per semplice negligenza. In questo caso sotto il profilo delle norme del contratto di lavoro, a seconda della situazione concreta, lei non deve risarcire alcun danno o solo una parte di esso. Secondo la giurisprudenza del Tribunale federale giocano un ruolo nella valutazione, per esempio, il suo stipendio e la sua colpa, così come quella della sua datrice di lavoro: se lei ha uno stipendio basso e la sua datrice di lavoro sapeva che lei è un conducente inesperto, la quota a suo carico sarà più bassa che se lei ha uno stipendio alto e ha causato un danno al veicolo nonostante le sue provate capacità di guida.

Se l'associazione ha stipulato un'assicurazione casco per il veicolo, questa coprirà il danno effettivo in tutto o in parte in caso di negligenza. Se lei ha agito con negligenza grave, l'assicurazione può ridurre la prestazione a seconda della sua colpa. L'assicurazione dedurrà la franchigia e toglierà il bonus per assenza di sinistri sulla prossima fattura del premio. La datrice di lavoro può trasferire questi costi su di lei, in tutto o in parte, sempre a seconda della situazione specifica.

Responsabilità del membro dell'associazione

Se lei ha causato un danno al veicolo della sua associazione nell'ambito del suo lavoro a titolo di volontariato, potrebbe già trovare la risposta alla domanda su chi deve pagare quale parte, nello statuto. Se l'associazione ha stipulato un'assicurazione casco totale, per esempio, gli statuti possono stabilire che l'associazione deve, sempre o in certi casi, pagare l'eventuale franchigia o l'eventuale perdita di bonus.

Se non ci sono regole negli statuti, il primo fattore decisivo è se ha causato il danno intenzionalmente o per negligenza. Se ha causato il danno intenzionalmente, dovrà pagare, dato che l’assicurazione casco totale coprirà il danno. Se il danno è dovuto a semplice negligenza da parte sua, l’assicurazione casco totale coprirà il danno. Tuttavia, a suo carico vi sarà la franchigia e un aumento del premio se non ha un'assicurazione per i danni ai veicoli di terzi o un'assicurazione per il terzo conducente.

Danni che si deve assumere il detentore

Il detentore del veicolo deve pagare quei danni per i quali né il conducente né la compagnia di assicurazione pagheranno. Oltre a pagare le spese di riparazione del danno effettivo, questo può includere la franchigia e la perdita del bonus.

Se il proprietario non ha un'assicurazione casco totale, deve anche sopportare le conseguenze finanziarie dei danni della natura come la grandine o i danni da tempesta.