Powered by Touring Club Suisse

Famiglia

Il mio convivente deve pagarmi per la pulizia dell'appartamento?

Non deve necessariamente farlo. Mentre il CCS per l’unione coniugale e la legge federale sull’unione domestica registrata per l’unione domestica registrata stabiliscono che i coniugi rispettivamente i partner di un’unione domestica registrata devono accordarsi sul loro contributo rispettivo, esso non regola nulla per il concubinato.

Soprattutto se lei non lavora per un periodo di tempo più lungo, ad esempio per dare al suo convivente la libertà di lavorare, è opportuno stipulare un contratto di concubinato, che preveda un'eventuale regolamentazione dei costi per la gestione della casa.

Questo regolamento dovrebbe in primo luogo consentirle di versare facoltativamente dei contributi all'AVS per evitare lacune contributive. Il contributo minimo attuale è di CHF 395.- all'anno, con un massimo di 50 volte il contributo minimo. Se ha figli con il suo convivente, lei è un po' sicura anche senza un contratto di concubinato. Se lei si occupa totalmente o per la maggior parte della cura dei bambini, lei ha diritto all’intero accredito per compiti educativi dell'AVS. In questo caso lei avrà diritto anche a contributi di mantenimento dopo un'eventuale separazione, purché i bambini comuni siano ancora minorenni e lei ne detenga la custodia.

Si consiglia inoltre di chiarire a quali condizioni l'istituto di previdenza le versa, nella sua qualità di convivente, prestazioni in caso di decesso. Dovrebbe anche verificare se può beneficiare di un terzo pilastro. Infine si noti che senza un accordo contrattuale o testamentario non si ha il diritto di ereditare anche dopo decenni di conduzione gratuita dell'economia domestica per il proprio partner.