Autorità

La polizia ha diritto ad installare telecamere di sorveglianza in locali commerciali?

No, a meno che non abbia installato le telecamere di sorveglianza su ordine del pubblico ministero e con l'approvazione del tribunale. La videosorveglianza è una misura coercitiva che richiede un'autorizzazione e viola i diritti fondamentali degli interessati. Tale decisione è stata presa dal Tribunale Federale il 20 dicembre 2018.

Un amministratore delegato aveva notato che vi era una ripetuta mancanza di denaro da parte della tesoreria della sua Sagl. Ha quindi sporto una denuncia penale contro ignoti. La polizia ha dunque installato telecamere di sorveglianza. Il manager ha acconsentito alla sorveglianza ma non ha informato i suoi dipendenti. Dopo che la polizia ha esaminato le registrazioni, il Ministero Pubblico ha sporto denuncia per furto nei confronti di un dipendente della Sagl. Il dipendente, infine condannato ha presentato ricorso al Tribunale Federale. Questi ha chiesto l'annullamento della sentenza perché basata su prove non utilizzabili.

Il Tribunale federale ha dato ragione al dipendente: Se la polizia effettua registrazioni video, interferisce con la sfera privata e quindi con un diritto fondamentale costituzionalmente protetto. Anche con il consenso dell'amministratore delegato, queste registrazioni sono una misura coercitiva nei confronti dei suoi dipendenti, che a loro volta non hanno acconsentito alla videosorveglianza. Poiché le registrazioni video sono dispositivi tecnici di sorveglianza, la polizia può effettuare una videosorveglianza solo su ordine del Ministero Pubblico e con l‘approvazione del Tribunale per le misure coercitive. Il Tribunale Federale ha pertanto rinviato la questione al Tribunale superiore. Questo dovrà ora rivalutare il furto senza includere le registrazioni video.

A proposito, la videosorveglianza privata da parte del datore di lavoro potrebbe essere classificata diversamente. Secondo la giurisprudenza del Tribunale Federale, ciò è consentito anche senza che i dipendenti ne siano a conoscenza se il datore di lavoro vuole utilizzarlo, ad esempio, per controllare la cassa. In. nessun caso sono consentite registrazioni video senza il consenso dei dipendenti se servono a monitorare i dipendenti stessi o il loro comportamento.

(cf. "Posso acquistare articoli per uso privato in Internet durante il mio orario lavorativo?")